Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'esposizione, presso il palazzo Vescovile, chiuderÓ domenica prossima

ALLA SCOPERTA DEL "MUSEO CHE NON C'╚" DI GIUSEPPE SCARPA

La mostra dedicata alla sua grande collezione naturalistica


TREVISO - Ultimi giorni, chiuderà il 2 novembre, per la mostra ospitata in un'ala del Seminario vescovile cittadino allestita in occasione del centenario della donazione delle proprie collezioni naturalistiche allo stesso da parte del dottor Giuseppe Scarpa. Un'occasione unica per riscoprire uno dei tesori dimenticati di Treviso, imperdibile perchè il museo è chiuso da diversi anni al pubblico. Singolare figura quella di Giuseppe Scarpa, nato a Treviso nel 1851 da una benestante famiglia veneziana, che profuse tutte le sue energie e sostanze per le scienze naturali: fu collezionista, allevatore, nel giardino di casa scorrazzavano rettili e scimmie, cercatore, molti lo incrociavano per fossi alla ricerca di lamprede, tassidermista sopraffino, inventore, una sua applicazione riguardante l'elettricità suscitò l'interesse di Nikola Tesla e venne adottata nella telefonia, professore e direttore della sez. Naturalistica del museo Correr di Venezia. Splendide le collezioni di vertebrati, con esemplari rarissimi o estinti , le raccolte malacologiche, paleontologiche, botaniche, erpetologiche che attirano studiosi da tutto il mondo e che continuano ad incrementarsi ancor oggi. Un modo per riannodare i fili della memoria - per molti fu la prima "gita scolastica"- davanti al maestoso grifone che nel 1954 finì sulla copertina della Domenica del Corriere per aver aggredito in quel di Carbonera una bimba o ammirando la salamandra gigante del Giappone, rarissima, che visse ben 24 anni in casa Scarpa ,o sostando di fronte al piccolo scimpanzè che, ammalatosi, venne ricoverato per qualche giorno al Ca Foncello per le cure del caso Una mostra per ricordare un "museo che non c'è", come l'hanno giustamente definito, i curatori.