Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'autopsia ha escluso malori: fatale al 17enne la fuoriuscita di strada in moto

A UCCIDERE MIRKO CABERLOTTO È STATA UNA FRATTURA CERVICALE

Firmato il nulla osta per la sepoltura: non ci sarebbero responsabilità altrui


MONTEBELLUNA – (gp) L'autopsia effettuata sul corpo di Mirko Caberlotto ha sciolto gli ultimi dubbi sul sinistro costato la vita al 17enne. I risultati dell'anatomopatologo Alberto Furlanetto hanno confermato che a uccidere il giovane è stata la caduta: fatale infatti la frattura delle vertebre cervicali. Il pm Iuri De Biasi, titolare del fascicolo aperto sul caso, ha concesso il nulla osta per la sepoltura. L'incidente si era verificato venerdì scorso lungo via Sant'Andrea a Montebelluna. Il giovane, mentre era in sella a una moto Honda 650, ha perso il controllo del mezzo, che non poteva guidare e che era privo di assicurazione, finendo fuori strada. La moto, stando a quanto accertato dalla polizia locale di Montebelluna, apparteneva a un amico del padre della vittima, che l'aveva a sua volta ereditata dal padre recentemente scomparso. Tutto fa pensare che il 17enne l'avesse presa per provarla senza avvertire il proprietario. Le indagini mirano infatti a capire come siano andate in realtà le cose: nel caso in cui il proprietario l'avesse volutamente affidata al ragazzo potrebbe configurarsi il reato di omicidio colposo. Il pm però è stato chiaro sostenendo che nulla al momento fa pensare che possa essere accaduto.