Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'autopsia ha escluso malori: fatale al 17enne la fuoriuscita di strada in moto

A UCCIDERE MIRKO CABERLOTTO ╚ STATA UNA FRATTURA CERVICALE

Firmato il nulla osta per la sepoltura: non ci sarebbero responsabilitÓ altrui


MONTEBELLUNA – (gp) L'autopsia effettuata sul corpo di Mirko Caberlotto ha sciolto gli ultimi dubbi sul sinistro costato la vita al 17enne. I risultati dell'anatomopatologo Alberto Furlanetto hanno confermato che a uccidere il giovane è stata la caduta: fatale infatti la frattura delle vertebre cervicali. Il pm Iuri De Biasi, titolare del fascicolo aperto sul caso, ha concesso il nulla osta per la sepoltura. L'incidente si era verificato venerdì scorso lungo via Sant'Andrea a Montebelluna. Il giovane, mentre era in sella a una moto Honda 650, ha perso il controllo del mezzo, che non poteva guidare e che era privo di assicurazione, finendo fuori strada. La moto, stando a quanto accertato dalla polizia locale di Montebelluna, apparteneva a un amico del padre della vittima, che l'aveva a sua volta ereditata dal padre recentemente scomparso. Tutto fa pensare che il 17enne l'avesse presa per provarla senza avvertire il proprietario. Le indagini mirano infatti a capire come siano andate in realtà le cose: nel caso in cui il proprietario l'avesse volutamente affidata al ragazzo potrebbe configurarsi il reato di omicidio colposo. Il pm però è stato chiaro sostenendo che nulla al momento fa pensare che possa essere accaduto.