Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le Fiamme Gialle hanno sequestrato le schede clienti del 2012 e del 2013

SOSTANZE DOPANTI IN PALESTRA: NUOVO BLITZ ALLA "ARMSTRONG"

Indagati i due coniugi titolari della struttura: l'inchiesta si allarga



TREVISO
- (gp) Si allarga l'inchiesta sul giro di sostanze dopanti nella palestra Armstrong di Villorba. La Guardia di Finanza ha infatti eseguito un secondo blitz nella struttura di via Muri mettendo sotto sequestro le schede clienti del 2012 e del 2013. Quelle dell'anno corrente erano già nelle mani dei finanzieri e la Procura di Treviso, che ha iscritto nel registro degli indagati il 74enne Giampaolo Mascari e la compagna 46enne Genara Alberica per l'ipotesi di reato di  possesso e commercio di farmaci proibiti, nelle ultime settimane ha sentito diversi frequentatori della palestra che potrebbero aver acquistato o assunto anabolizzanti che, secondo l'accusa, venivano procurati da Mascari, difeso come la compagna dall'avvocato Paolo Salandin. Evidentemente le dichiarazioni rese agli inquirenti hanno spinto il pm Barbara Sabattini, titolare delle indagini, a ritenere che siano molte di più le persone che negli ultimi anni abbiano fatto uso di sostanze proibite. A fine settembre era scattato il primo blitz delle fiamme gialle che aveva portato al sequestro di una ventina di fiale di anabolizzanti (nandrolone e testosterone). Il 74enne, in quell'occasione, aveva detto ai finanzieri che quelle fiale erano sue e che erano tutte per uso personale. Sotto sequestro però finirono anche una serie di ricette mediche che ne attestavano la prescrizione. Troppe secondo la Procura, tanto da mettere nel proprio mirino oltre ai frequentatori della palestra anche i medici che hanno firmato quelle ricette. Le ipotesi di reato a loro carico, se dovessero risultare compiacenti, potrebbero andare dal falso ideologico alla corruzione, passando per violazioni specifiche della legge sul doping. Di certo c'è che ora, con in mano i nominativi delle persone che negli ultimi tre anni si sono allenate alla Armstrong, l'inchiesta si arricchirà di nuove testimonianze e di nuovi retroscena: con ogni probabilità infatti il pm nei prossimi giorni chiamerà a rapporto uno per uno tutti gli associati il cui nominativo è presente nelle schede clienti 2012 e 2013. L'indagine era partita un paio di mesi fa dal sequestro di alcune fiale di nandrolone trovate nella disponibilità di uno dei frequentatori della Armstrong il quale, torchiato dagli inquirenti, avrebbe dichiarato di averle comprate proprio dal titolare della struttura. Da quel momento erano partiti gli accertamenti che hanno portato prima perquisizione nella casa dei titolari e nella stessa palestra e poi al secondo blitz in via Muri a Villorba.