Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Intervista al 37enne enologo di Follina: "Ascoltiamo la natura"

IL SUPERCONSULENTE CHE LANCIA I VINI VENETI NEL GOTHA NAZIONALE

Federico Giotto per 39 volte al vertice delle classifiche di qualità


TREVISO - Una passione per il vino iniziata ancora in tenera età ed un progetto basato sull’“ascolto” ed il rispetto della natura. E’ Federico Giotto, giovane enologo di 37 anni, di Follina (TV), a capo della società Giotto Earth Listener, che ha portato cinque aziende venete a conquistare il riconoscimento Tre Bicchieri della guida Gambero Rosso 2015 e a vedere riconfermata la Chiocciola Slow Wine. Si tratta di cantine espressione di territori diversi altamente vocati come il Conegliano Valdobbiadene, il Bardolino e la Valpolicella: Sorelle Bronca, Le Fraghe, Corte Sant’Alda, Monte Dall’Ora e Villa Bellini.
"Siamo consulenti di aziende vitivinicole in tutto il mondo, ma riuscire a portare ai vertici l’enologia della propria regione – spiega Federico Giotto – è sempre motivo di grande orgoglio. Siamo onorati di essere cresciuti in un territorio vitivinicolo tra i più importanti d’Italia e di avere la possibilità di aiutare i nostri clienti ad interpretare ed esprimere al meglio i propri vini sulla base delle potenzialità che caratterizzano ogni singola area".
Sono gli ultimi importanti risultati dell’enologo trevigiano, che fonda il suo lavoro sulla volontà di capire ciò che l’ambiente esprime per arrivare ad interpretare i bisogni della vite e del grappolo e produrre così vini unici, di qualità e allo stesso tempo sostenibili. La filosofia di Federico si esprime in “Giotto Earth Listener”, realtà dinamica e innovativa, che riunisce un team, under 40, di una decina di persone e collaboratori esterni composto da agronomi, enologi, biologi, tecnici di laboratorio e addetti al marketing.
Il lavoro di squadra e la condivisione di un approccio incentrato sulla capacità di osservare ed interpretare la terra, sono la forza dell’attività di consulenza e ricerca in campo viticolo ed enologico della società, che conta collaborazioni con cantine nazionali ed internazionali che sono riuscite ad ottenere riconoscimenti importanti. E’ il caso delle cinque realtà venete, che sono state premiate di recente con i Tre Bicchieri della guida Gambero Rosso 2015 nonché la Chiocciola Slow Wine 2015, e che aggiunti ai precedenti portano a 39 il numero di Tre Bicchieri ricevuti dall’inizio della carriera di Federico, solo 37enne, e del suo gruppo ad oggi.
Ad aggiudicarsi i Tre Bicchieri sono stati dunque: il Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg “Particella 68” di Sorelle Bronca di Colbertaldo di Vidor (TV); Il Bardolino de Le Fraghe di Cavaion Veronese (VR), per il secondo anno consecutivo; l’Amarone della Valpolicella 2010 di Corte Sant’Alda di Mezzane di Sotto (VR); il Valpolicella Superiore di Monte Dall’Ora di Verona ed il Recioto di Villa Bellini entrambe di San Pietro in Cariano (VR).