Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato di aver violato le norme antiriciclaggio un cinquantenne di Fontanelle

ERA IL PRESTANOME PER L'ACQUISTO DI UNA BARCA IN LEASING: ASSOLTO

Scagionato dal reale utilizzatore del natante che vale 170 mila euro


FONTANELLE – (gp) Aveva prestato il suo nome per l'acquisto di una barca in leasing. Non riuscendo a continuare a pagare le rate del natante del valore di 170 mila euro, aveva così contattato la società di leasing proponendo la restituzione della barca. Non sapeva però che così facendo si autodenunciava della violazione della legge antiriciclaggio, che prevede tra le altre cose di non poter fare da prestanome per l'acquisto di beni in leasing. L'uomo, residente a Fontanelle, venne così raggiunto da un decreto penale di condanna da 22.500 euro in sostituzione di tre mesi di reclusione. Difeso dall'avvocato Mauro Bosco, ha deciso di presentare opposizione finendo così a processo e ottenendo una piena assoluzione perchè il fatto non sussiste. Le motivazioni verranno depositate tra 90 giorni ma sembra che il giudice abbia dato peso al fatto che l'imputato ha agito in buona fede e che il reale utilizzatore del natante aveva già avuto dei guai con la giustizia. Fu proprio lui, nel corso del procedimento penale, a “salvare” l'imputato ammettendo che le rate della barca in realtà le stava pagando lui, perché quell’imbarcazione gli serviva per un'attività di pesca in Croazia.