Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, Sacconi (Ncd): "Sarebbe stato troppo penalizzante per il territorio"

CENTRO PROFUGHI ALLA CASERMA GOTTI: DIETROFRONT DEL GOVERNO

Roger De Menech (Pd Veneto): "La decisione è stata congelata"


VITTORIO VENETO - Il governo sta verificando quale sia la soluzione migliore per ospitare i profughi nel Veneto. La decisione sulla caserma Gotti di Vittorio Veneto è stata congelata dopo il colloquio del segretario regionale del Pd, Roger De Menech, con il sottosegretario del ministero dell’Interno Domenico Manzione e con il sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Luca Lotti. «Ci siamo incontrati ieri», riferisce De Menech. «Stiamo cercando la soluzione migliore per ospitare i profughi e, visto che Zaia continua a fare da spettatore immobile, abbiamo deciso di avviare una ricognizione delle strutture e del loro inserimento nel contesto sociale». Come noto, la conferenza Stato Regioni il 10 luglio scorso ha deciso l’attuazione del piano nazionale per fronteggiare l’emergenza profughi. Le Regioni partecipano al piano individuando dei centri hub. «La proposta di utilizzare la caserma Gotti di Vittorio Veneto», conclude De Menech, «non ci sembra al momento ottimale, quindi abbiamo deciso di fermarla».

Sacconi (Ncd): nessun centro profughi
nella caserma Gotti di Vittorio Veneto

"Sollecitato dalla comunità vittoriese a verificare l'affidabilità delle notizie corse in queste ore sull'installazione di un centro profughi nella caserma Gotti di Vittorio Veneto, ho avuto compiuta assicurazione dal Ministero dell'Interno che né quell'impianto militare, né altri siti a Vittorio, saranno destinati a ospitare immigrati. Ho preso atto con compiacimento della posizione del Governo: Vittorio Veneto è già stata colpita dal trasferimento del comando del 1. FOD, e non sarebbe stato giusto penalizzarla localizzandovi strutture di emergenza che mal si conciliano con i programmi di rilancio culturale e turistico della città collegati al 150. Anniversario della sua fondazione, in occasione della restituzione all'Italia del Veneto, fra due anni e al Centenario della Vittoria nella Grande Guerra fra quattro. Auspico che la caserma Gotti, con gli altri insediamenti militari vittoriesi da Palazzo Piccin a Palazzo Doro Altan, possa essere inserita in un organico progetto di "rimappatura funzionale" della città e diventare il motore di una ritrovata prosperità dopo lunghi anni di decadenza e di marginalità. Le rassicurazioni del Ministero dell'Interno consegnano la Gotti alla comunità vittoriese e alla sua volontà di sviluppo" lo dichiara in una nota il capogruppo al Senato del Nuovo Centrodestra, Maurizio Sacconi.