Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, Sacconi (Ncd): "Sarebbe stato troppo penalizzante per il territorio"

CENTRO PROFUGHI ALLA CASERMA GOTTI: DIETROFRONT DEL GOVERNO

Roger De Menech (Pd Veneto): "La decisione è stata congelata"


VITTORIO VENETO - Il governo sta verificando quale sia la soluzione migliore per ospitare i profughi nel Veneto. La decisione sulla caserma Gotti di Vittorio Veneto è stata congelata dopo il colloquio del segretario regionale del Pd, Roger De Menech, con il sottosegretario del ministero dell’Interno Domenico Manzione e con il sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Luca Lotti. «Ci siamo incontrati ieri», riferisce De Menech. «Stiamo cercando la soluzione migliore per ospitare i profughi e, visto che Zaia continua a fare da spettatore immobile, abbiamo deciso di avviare una ricognizione delle strutture e del loro inserimento nel contesto sociale». Come noto, la conferenza Stato Regioni il 10 luglio scorso ha deciso l’attuazione del piano nazionale per fronteggiare l’emergenza profughi. Le Regioni partecipano al piano individuando dei centri hub. «La proposta di utilizzare la caserma Gotti di Vittorio Veneto», conclude De Menech, «non ci sembra al momento ottimale, quindi abbiamo deciso di fermarla».

Sacconi (Ncd): nessun centro profughi
nella caserma Gotti di Vittorio Veneto

"Sollecitato dalla comunità vittoriese a verificare l'affidabilità delle notizie corse in queste ore sull'installazione di un centro profughi nella caserma Gotti di Vittorio Veneto, ho avuto compiuta assicurazione dal Ministero dell'Interno che né quell'impianto militare, né altri siti a Vittorio, saranno destinati a ospitare immigrati. Ho preso atto con compiacimento della posizione del Governo: Vittorio Veneto è già stata colpita dal trasferimento del comando del 1. FOD, e non sarebbe stato giusto penalizzarla localizzandovi strutture di emergenza che mal si conciliano con i programmi di rilancio culturale e turistico della città collegati al 150. Anniversario della sua fondazione, in occasione della restituzione all'Italia del Veneto, fra due anni e al Centenario della Vittoria nella Grande Guerra fra quattro. Auspico che la caserma Gotti, con gli altri insediamenti militari vittoriesi da Palazzo Piccin a Palazzo Doro Altan, possa essere inserita in un organico progetto di "rimappatura funzionale" della città e diventare il motore di una ritrovata prosperità dopo lunghi anni di decadenza e di marginalità. Le rassicurazioni del Ministero dell'Interno consegnano la Gotti alla comunità vittoriese e alla sua volontà di sviluppo" lo dichiara in una nota il capogruppo al Senato del Nuovo Centrodestra, Maurizio Sacconi.