Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alessandro denunciato da alcuni investitori francesi per l'accusa di truffa

CIALDE DEL CAFF╚ "GONFIATE": IL CASO BENETTON RESTA A TREVISO

I legali dell'imprenditore di Ponzano: "Del tutto estraneo ai fatti"



TREVISO
– (gp) L'inchiesta che vede indagato Alessandro Benetton per l'ipotesi di reato di truffa rimarrà a Treviso. Chiarita la competenza territoriale, il fascicolo rimane dunque nelle mani del pm Massimo De Bortoli, titolare del fascicolo aperto sul caso dopo la denuncia depositata nel palazzo di giustizia di via Verdi da alcuni investitori francesi.

L'imprenditore di Ponzano, tramite i suoi legali, aveva già depositato nei mesi scorsi una memoria difensiva per dimostrare la propria totale estraneità nella vicenda: Alessandro Benetton viene infatti chiamato in causa soltanto in base alle sue funzioni societarie (è presidente del consiglio di sorveglianza della francese 21Centrale Partners e presidente dell'italiana 21Partners spa), e non avrebbe alcuna conoscenza diretta delle persone che hanno denunciato la presunta irregolarità.

Al centro delle indagini ci sono versamenti per un centinaio di milioni di euro che sarebbero stati fatti in più trance tra il 2008 e il 2010 da alcuni investitori francesi. Denaro investito nella Ecc di Jean Paul Gaillard che avrebbe brevettato della capsule di caffè compatibili con la Nespresso, ma biodegradabili e a un costo inferiore rispetto a quelle normali. Le azioni della Ecc, di cui una quota appartiene proprio alla 21Centrale Partners, vennero vendute in una prima trance a 6,5 franchi svizzeri l'una, in una seconda a 37 e in una terza a 437. Impennata che sarebbe stata causata dall'ingresso di 21Centrale Partners nella società e perchè la Ecc sarebbe stata capace di garantirsi un maxiordine d'acquisto da 4 miliardi di capsule. Una “commessa” che avrebbe dovuto far schizzare il valore della società al di sopra del miliardo di euro.

Una vera e propria manna per gli investitori che avrebbero così guadagnato un sacco di quattrini. Ma di quel maxiordinativo nel portafoglio della Ecc non ci sarebbe traccia. Motivo per cui i francesi hanno deciso di presentare denuncia sostenendo di essere stati truffati in virtù di una falsa rappresentazione della realtà che li avrebbe spinti a investire.