Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per l'ipotesi di reato di frode assicurativa un noto allevatore di cani

MORTE NATURALE "MASCHERATA" DA INCIDENTE: ORA VUOLE RISARCIRE

Avrebbe chiesto 40 mila euro per il decesso di un Dogo Argentino



TREVISO
– (gp) Non solo un processo a Treviso per frode assicurativa e falso, ma ora anche una segnalazione alla Procura di Padova per la presunta somministrazione di vaccini ai suoi animali senza avere i titoli per farlo, che nel peggiore dei casi potrebbe tradursi nella contestazione dell'ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione medica (nello specifico veterinaria).

Nei guai si trova A.B., 45enne padovano titolare dell'allevamento di cani White Dragon. Nel procedimento penale che lo vede imputato a Treviso, difeso dall'avvocato Martina Pinciroli, è accusato assieme ad altre due persone, di aver chiesto un risarcimento di 40 mila euro per la morte di Mancha Verde Pampas, uno splendido esemplare plurititolato di Dogo Argentino, deceduta per una setticemia quand'era incinta di 15 cuccioli. Il danno chiesto alla Axa Assicurazioni prevedeva 10 mila euro per la madre e 2 mila euro per ognuno dei suoi cuccioli.

L'uomo, che ha ottenuto un rinvio dell'udienza preliminare per formalizzare un risarcimento, secondo l'accusa avrebbe mentito sulle reali cause della morte presentando una falsa dichiarazione di incidente: i due coimputati avrebbero infatti dichiarato uno di aver investito il cane il 30 aprile 2013, e l'altra di aver assistito alla scena. Il responsabile dell’ufficio antifrodi di Axa, come da prassi, una volta ricevuta la richiesta di risarcimento ha avviato un’indagine sul sinistro, scoprendo così sulla pagina Facebook del 45enne un necrologio dedicato al cane. Il post risaliva però al 17 aprile, ovvero 13 giorni prima del presunto incidente. Da qui la contestazione di frode assicurativa.

L'accusa di falso invece, secondo gli inquirenti, deriverebbe dal fatto che nella denuncia i tre avrebbero prodotto anche un certificato contraffatto relativo all’autopsia effettuata sull’animale, omettendo le cause della morte e falsificando le firme del medico che l’aveva eseguita e della responsabile del Servizio di Anatomia Patologica dell’Università di Padova.

Nel corso delle indagini svolte dalla Guardia Forestale di Padova, il pm De Donà avrebbe poi scoperto che il 45enne avrebbe somministrato i vaccini agli animali non avendone il titolo, essendo operazioni “riservate” ai veterinari. Motivo per cui gli atti sono stati inviati alla procura patavina per le opportune verifiche: se le ipotesi dovessero trovare conferma, si aprirebbe così una seconda indagine per esercizio abusivo della professione medica.