Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Bisogna migliorare i collegamenti con gli altri paesi dei dintorni"

DEBORAH COMPAGNONI: "TREVISO ANCORA PIÙ BELLA SENZA AUTO"

La campionessa di sci ritiene fondamentale la pedonalizzazione


TREVISO - A favore della pedonalizzazione si schiera anche una trevigiana eccellente, benchè d'adozione, come Deborah Compagnoni. "Ormai questa città fa parte della mia vita - afferma la campionessa di sci -, è bellissima ed è giusto che chi vive qui e nei dintorni abbia modo di conoscerla sempre più, rispettandola. Ci sono dei bei progetti per il futuro, ad esempio la pedonalizzazione. Certo come sempre c'è chi non condivide, ma può essere un modo per incontrarsi e vivere meglio".
Lei dunque è favorevole alla pedonalizzazione?
"Per me è fondamentale. Treviso ha uno splendido centro storico, ben restaurato, ed è bello poterlo ammirare a piedi o in bicicletta. Potrebbe essere anche una città molto più turistica, legata proprio al turismo in bicicletta, tanto più che è vicina a Venezia, conosciutissima in tutto il mondo. Io ho girato tanto il mondo e credo che sarebbe molto apprezzata dagli stranieri anche Treviso".
Cosa si può migliorare?
"Più che nella città stessa, penso siano da migliorare l'organizzazione dei trasporti pubblici per chi viene da fuori o deve andare fuori. Servirebbero magari maggiori servizi per i giovani che vanno a scuola o devono venire in città per incontrarsi, senza dover essere accompagnati dai genitori. So bene che si tratta di questioni delicate e costose, ma si deve andare in questa direzione per essere competitivi con altre città simili in Europa".
Vive qui da 15 anni, com'è cambiata la città?
"Io adesso vivo a Ponzano, ma vengo spesso a Treviso e la trovo molto piacevole, pulita: è bello passeggiare in centro, quando porto con me persone che vivono altrove rimangono sempre stupidi della sua bellezza. Però manca l'unione tra chi vive nei paesi della cintura urbana e chi vive in città: ognuno sente le proprie esigenze come le più importanti, invece, bisognerebbe andare in una stessa direzione di cambiamento, anche degli stili di vita".