Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il provvedimento del gip del tribunale per i minori, ora Ŕ in comunitÓ

MINACCE E INSULTI AI GENITORI: 15ENNE ALLONTANATO DA CASA

Venti denunc per furti, aveva attaccato mamma e papÓ con un'accetta


TREVISO - Allontanato da casa e trasferito in una comunità protetta, fuori provincia, per garantire l'incolumità dei genitori, costantemente minacciati e ormai terrorizzati dal giovane figlio di appena 15 anni. Questa la misura presa dal tribunale per i minori di Venezia nei confronti di un ragazzo trevigiano per le continue vessazioni nei confronti di mamma e papà. Tra gli episodi più gravi ci sono senza dubbio le minacce, a volte armato di bastone o accetta, nei loro confronti, spesso per ottenere denaro. A firmare il provvedimento, eseguito nei giorni scorsi dalla squadra mobile della Questura di Treviso, è stato il gip del tribunale per i minori che ha accolto le istanze dei genitori e le relazioni degli assistenti sociali che ritengono che il giovane “fatichi ad accettare le regole” ed abbia “tratti di antisocialità”. Il 15enne è ben conosciuto dalle forze dell'ordine, sia dalla polizia che dai carabinieri: negli ultimi anni ha collezionato circa una ventina di denunce, quasi tutte per furto oltre che per resistenza a pubblico ufficiale e minacce. Impossibile per i genitori controllare la furia del figlio: in alcune occasioni il ragazzo, messo in castigo nella sua camera da letto, è arrivato al punto di devastare la stanza, perfino gettando dalla finestra oggetti di vario tipo. In un frangente il 15enne aveva malmenato uno dei suoi famigliari, costringendolo a rivolgersi alle cure del pronto soccorso. Del caso, da qualche tempo, si stavano occupando anche i servizi sociali del Comune ma nonostante ciò la situazione si era via via aggravata negli ultimi mesi: il 15enne aveva cominciato a fare uso di droghe, a frequentare sempre meno la scuola, dormiva spesso da amici e spesso frequentava altri giovani non meno problematici di lui. I genitori, ormai esasperati, si sono rivolti alla Procura dopo l'ennesima denuncia per un furto tentato dal 15enne in un centro commerciale. Nel video le parole del capo della squadra mobile di Treviso, Enrico Biasutti.

Galleria fotograficaGalleria fotografica