Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA Č VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il provvedimento del gip del tribunale per i minori, ora č in comunitā

MINACCE E INSULTI AI GENITORI: 15ENNE ALLONTANATO DA CASA

Venti denunc per furti, aveva attaccato mamma e papā con un'accetta


TREVISO - Allontanato da casa e trasferito in una comunità protetta, fuori provincia, per garantire l'incolumità dei genitori, costantemente minacciati e ormai terrorizzati dal giovane figlio di appena 15 anni. Questa la misura presa dal tribunale per i minori di Venezia nei confronti di un ragazzo trevigiano per le continue vessazioni nei confronti di mamma e papà. Tra gli episodi più gravi ci sono senza dubbio le minacce, a volte armato di bastone o accetta, nei loro confronti, spesso per ottenere denaro. A firmare il provvedimento, eseguito nei giorni scorsi dalla squadra mobile della Questura di Treviso, è stato il gip del tribunale per i minori che ha accolto le istanze dei genitori e le relazioni degli assistenti sociali che ritengono che il giovane “fatichi ad accettare le regole” ed abbia “tratti di antisocialità”. Il 15enne è ben conosciuto dalle forze dell'ordine, sia dalla polizia che dai carabinieri: negli ultimi anni ha collezionato circa una ventina di denunce, quasi tutte per furto oltre che per resistenza a pubblico ufficiale e minacce. Impossibile per i genitori controllare la furia del figlio: in alcune occasioni il ragazzo, messo in castigo nella sua camera da letto, è arrivato al punto di devastare la stanza, perfino gettando dalla finestra oggetti di vario tipo. In un frangente il 15enne aveva malmenato uno dei suoi famigliari, costringendolo a rivolgersi alle cure del pronto soccorso. Del caso, da qualche tempo, si stavano occupando anche i servizi sociali del Comune ma nonostante ciò la situazione si era via via aggravata negli ultimi mesi: il 15enne aveva cominciato a fare uso di droghe, a frequentare sempre meno la scuola, dormiva spesso da amici e spesso frequentava altri giovani non meno problematici di lui. I genitori, ormai esasperati, si sono rivolti alla Procura dopo l'ennesima denuncia per un furto tentato dal 15enne in un centro commerciale. Nel video le parole del capo della squadra mobile di Treviso, Enrico Biasutti.

Galleria fotograficaGalleria fotografica