Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, denunciato dalla polizia postale, la segnalazione dagli animatori di un Grest

ADESCAVA MINORI SUL WEB: NEI GUAI UN VOLONTARIO DEL COMUNE

Decine di ragazzini contattati via Facebook da un 48enne di Resana


RESANA - Chiedeva via Facebook incontri sessuali a ragazzine di circa 15 anni a cui inviava le foto delle proprie parti intime, pretendendo che le giovani facessero altrettanto. Il maniaco è un 48enne di Resana, operaio volontario del Comune, che è stato denunciato dalla polizia postale e dalla squadra mobile di Treviso per il reato di adescamento di minorenni sul web. Sarebbero state una decina i ragazzini, maschi e femmine, finiti nel mirino del maniaco: quasi tutti sono stati sentiti in udienza protetta dagli psicologi dell'Ulss9. L'uomo, single e senza precedenti, era stato segnalato l'estate scorsa dall'educatrice di un Grest della Castellana: approfittando di alcuni lavori di manutenzione, da eseguire per conto del Comune, il 48enne avrebbe tentato di approciare alcune giovanissime con atteggiamenti definiti “morbosi”. L'indagine, coordinata dalla Procura di Venezia, ha portato gli investigatori a raccogliere numerose testimonianze anche da parte di genitori ed animatori del Gruppo Estivo. Fortunatamente gli esiti delle indagini hanno escluso violenze fisiche nei confronti dei minori, anche se è stato accertato che l'uomo utilizzava il social network Facebook per adescare i minori che frequentavano il centro estivo. L'obiettivo, mai raggiunto, era quello di avere un incontro dal vivo con loro. La perquisizione eseguita dagli uomini della polizia postale e della squadra mobile di Treviso ha portato a sequestrare vario materiale informatico che dimostrerebbe l'attività dell'adescatore di minori.