Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, denunciato dalla polizia postale, la segnalazione dagli animatori di un Grest

ADESCAVA MINORI SUL WEB: NEI GUAI UN VOLONTARIO DEL COMUNE

Decine di ragazzini contattati via Facebook da un 48enne di Resana


RESANA - Chiedeva via Facebook incontri sessuali a ragazzine di circa 15 anni a cui inviava le foto delle proprie parti intime, pretendendo che le giovani facessero altrettanto. Il maniaco è un 48enne di Resana, operaio volontario del Comune, che è stato denunciato dalla polizia postale e dalla squadra mobile di Treviso per il reato di adescamento di minorenni sul web. Sarebbero state una decina i ragazzini, maschi e femmine, finiti nel mirino del maniaco: quasi tutti sono stati sentiti in udienza protetta dagli psicologi dell'Ulss9. L'uomo, single e senza precedenti, era stato segnalato l'estate scorsa dall'educatrice di un Grest della Castellana: approfittando di alcuni lavori di manutenzione, da eseguire per conto del Comune, il 48enne avrebbe tentato di approciare alcune giovanissime con atteggiamenti definiti “morbosi”. L'indagine, coordinata dalla Procura di Venezia, ha portato gli investigatori a raccogliere numerose testimonianze anche da parte di genitori ed animatori del Gruppo Estivo. Fortunatamente gli esiti delle indagini hanno escluso violenze fisiche nei confronti dei minori, anche se è stato accertato che l'uomo utilizzava il social network Facebook per adescare i minori che frequentavano il centro estivo. L'obiettivo, mai raggiunto, era quello di avere un incontro dal vivo con loro. La perquisizione eseguita dagli uomini della polizia postale e della squadra mobile di Treviso ha portato a sequestrare vario materiale informatico che dimostrerebbe l'attività dell'adescatore di minori.