Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Beni: "Causa principale la distrazione, serve più educazione stradale

DIMINUISCONO I MORTI SULLE STRADE DELLA MARCA

I dati Aci: nel 2013 calo del 31% delle vittime, ma più incidenti


TREVISO - Meno incidenti e meno morti sulle strade della Marca. La buona notizia emerge dall'analisi elaborata dall'Automobile Club Italiano di Treviso. Nel 2013, nel Trevigiano, si sono verificati 2.365 sinistri stradali, il 2,1% in meno dell'anno precedente. Di fatto invariati i feriti: 3.463 persone, ovvero lo 0,9% in più. Fortunatamente, però, solo 48 soggetti hanno riportato conseguenze letali, contro i 70 del 2012: un calo del 31,4% che vale a Treviso il più basso indice di mortalità, pari al 2,03, su scala regionale. A rimanere sull'asfalto sono soprattutto guidatori tra i 30 e i 54 anni o sopra i 65, tra le vittime gli uomini sono il doppio delle donne.
La maggioranza degli incidenti avviene nei centri abitati, anche se quelli più gravi, con esiti mortali, si registrano in prevalenza (48%) sulle strade extraurbane. Luglio risulta il mese con più sinistri, mentre i giorni più a rischio sono lunedì e venerdì, anche il maggior numero di vittime si registrano la domenica, mentre la fascia oraria più critica va dalle 14 alle 17.
Gli incidenti più frequenti riguardano scontri frontali o laterali, uscite di strada, investimenti di pedoni (i più interessati sono giovani tra i 15 e i 29 anni e ultrasessantacinquenni) e tamponamenti. La cause? Mancato rispetto della segnaletica, distrazione al volante, mancato rispetto della distanza di sicurezza, solo al quarto posto l'eccesso di velocità
Proprio per questo Michele Beni, presidente dell'Aci provinciale, presentando i dati insieme al direttore Stefano Gardano, davanti ai rappresentanti delle istituzioni e delle forze dell'ordine, ha ribadito la necessità di maggiore educazione stradale e maggiore formazione, non solo rivolta ai ragazzi o a chi è in procinto di prendere la patente, ma a tutta la popolazione.