Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Innamorato di una squillo, chiese a un amico di accompagnarlo: era un carabiniere

CASA DEL SESSO IN VIA RONZINELLA: L'INCHIESTA PARTITA DA UN CLIENTE

A processo per sfruttamento della prostituzione la maitresse cinese


MOGLIANO VENETO – (gp) Fu un cliente, in maniera quasi involontaria, a far scattare l'inchiesta su un appartamento di via Ronzinella a Mogliano Veneto trasformato in bordello. Nel processo a carico della presunta maitresse, la cinese Wang Yuchun accusata di sfruttamento della prostituzione, a giocare un ruolo fondamentale saranno i clienti, che verranno chiamati a testimoniare nel corso della prossima udienza. Uno di loro è già stato sentito in aula, facendo emergere un particolare finora inedito. Innamoratosi di una delle ragazze che “lavorava” in via Ronzinella, per paura di incappare in qualche spiacevole episodio chiese a un amico di accompagnarlo a un appuntamento con lei. L'amico, in realtà, era un carabiniere in borghese. Assieme entrarono nell'appartamento chiedendo se fosse presente la ragazza di cui il teste si era invaghito. La presunta maitresse rispose che la giovane non c'era, ma che se avessero voluto c'erano altre ragazze disponibili. Da lì partirono gli accertamenti degli inquirenti che avrebbero documentato il continuo viavai di persone e di giovani lucciole. Il blitz dei carabinieri nella casa del sesso era stato effettuato nel dicembre del 2011. L’indagine era partita da Marghera e la tenutaria, forse allarmata dei controlli in altri bordelli della città spesso travestiti da centri massaggi, aveva preferito spostarsi nella Marca non sapendo però di essere sotto controllo. Per la Procura a coordinare l'attività delle squillo era proprio l'imputata. Diversa la versione della difesa, rappresentata dall'avvocato Andrea Zambon, secondo cui Wang Yuchun avrebbe semplicemente ospitato due connazionali.