Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Versano caparra di 300 € ma l'abitazione non è disponibile, indagine dei carabinieri

SOGNANO LA VACANZA A CORTINA: BEFFATO GRUPPO DI GIOVANI

Truffa on line, l'autore è un trevigiano che è stato denunciato


CORTINA - Affittano on line un appartamento per trascorrere una settimana di vacanza a Cortina d'Ampezzo ma, al loro arrivo, si accorgono che il locale era tutt'altro che disponibile.
La disavventura e' toccata ad un gruppo di giovani di Padova che, dopo aver versato una caparra di 300 euro al proponente, contattato attraverso un sito di scambi commerciali diretti, si sono resi conto che la transazione nascondeva in realta' una truffa. Denunciato l'episodio ai carabinieri, il responsabile e' stato identificato in un pregiudicato residente nel trevigiano. GLi stessi militari sono riusciti ad individuare e a denunciare gli autori di altri eventi simili, in particolare persone che avevano posto in vendita sullo stesso portale dei videogiochi i quali, una volta pagati, non sono mai stati recapitati.