Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Indagine della squadra mobile, coinvolto il titolare di un locale della movida

AGENTE PUBBLICITARIO ARRESTATO: ERA IL PUSHER DELLA TREVISO-BENE

Simone Cadamuro, 41 anni, finisce in cella per spaccio di cocaina


TREVISO - Spacciava cocaina in bar e discoteche di Treviso a clienti facoltosi come imprenditori ed altri professionisti della così detta "Treviso bene". A finire in manette un noto agente pubblicitario di 41 anni, Simone Cadamuro. L'uomo si trova ora nel carcere di Santa Bona: sono una quindicina i clienti del pusher accertati dagli investigatori della squadra mobile con decine di cessioni di droga accertate negli ultimi due anni. Perquisita dalla polizia la sua abitazione ed un locale fuori mura in cui il 41enne solitamente incontrava i suoi clienti, con la complicità del proprietario, anche lui finito segnalato alla Procura. L'esercente, secondo gli investigatori, avrebbe presentato al pusher in più occasioni alcuni acquirenti; la perquisizione del locale e della sua abitazione ha però dato esito negativo. Altri clienti avrebbero conosciuto Simone Cadamuro in occasione di normali incontri lavorativi, legati al suo impiego come agente pubblicitario.
Il dirigente della squadra mobile di Treviso, Enrico Biasutti