Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arriveranno altri venti camion di materiale per puntellare la spalla del passaggio

PONTE DI CIMADOLMO: DOMANI ALTRI ROCCE PER RINFORZARE GLI ARGINI

Leonardo Muraro: "Il flusso d'acqua sul Piave è rimasto costante"


TREVISO - I lavori di protezione al Ponte sul Piave di Cimadolmo saranno ulteriormente implementati. Il costante flusso d'acqua infatti, a causa delle correnti del sub-alveo che erodono ancora gli argini, ha richiesto l'arrivo di ulteriori 20 camion di rocce da posizionare a garanzia di protezione. L'operazione, coordinata dalla provincia, si era resa necessaria dopo che, in seguito alle abbondanti piogge, l'acqua aveva eroso parte dell'argine. Da domenica pomeriggio dunque, si è proceduto alle operazioni di messa in sicurezza, con il trasporto di rocce e terra che hanno permesso di isolare la spalla del ponte dal flusso di acqua. “Il flusso di acqua, pur diminuito rispetto alla settimana scorsa, è rimasto sostanzialmente costante, come si può notare anche dalla tabella coi dati Arpav relativi al fiume Piave – spiega Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso – abbiamo dovuto così richiedere ulteriori rocce da posizionare a rinforzo della spalla. Poi, una volta terminata  l'emergenza delle grandi piogge, dovremo ragionare seriamente assieme al Genio Civile per la pulizia dell'alveo centrale, in modo da consentire un deflusso centrale delle acqua che non vada e erodere gli argini laterali”.