Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arriveranno altri venti camion di materiale per puntellare la spalla del passaggio

PONTE DI CIMADOLMO: DOMANI ALTRI ROCCE PER RINFORZARE GLI ARGINI

Leonardo Muraro: "Il flusso d'acqua sul Piave è rimasto costante"


TREVISO - I lavori di protezione al Ponte sul Piave di Cimadolmo saranno ulteriormente implementati. Il costante flusso d'acqua infatti, a causa delle correnti del sub-alveo che erodono ancora gli argini, ha richiesto l'arrivo di ulteriori 20 camion di rocce da posizionare a garanzia di protezione. L'operazione, coordinata dalla provincia, si era resa necessaria dopo che, in seguito alle abbondanti piogge, l'acqua aveva eroso parte dell'argine. Da domenica pomeriggio dunque, si è proceduto alle operazioni di messa in sicurezza, con il trasporto di rocce e terra che hanno permesso di isolare la spalla del ponte dal flusso di acqua. “Il flusso di acqua, pur diminuito rispetto alla settimana scorsa, è rimasto sostanzialmente costante, come si può notare anche dalla tabella coi dati Arpav relativi al fiume Piave – spiega Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso – abbiamo dovuto così richiedere ulteriori rocce da posizionare a rinforzo della spalla. Poi, una volta terminata  l'emergenza delle grandi piogge, dovremo ragionare seriamente assieme al Genio Civile per la pulizia dell'alveo centrale, in modo da consentire un deflusso centrale delle acqua che non vada e erodere gli argini laterali”.