Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusati Angelo e Bruno Dal Tio, Irma Conte, Christian Grigolin e Roberto Fantinato

NESSUN TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI: ASSOLTI A PROCESSO 5 IMPRENDITORI

Il pellet è sempre stato prodotto secondo le disposizioni di legge



TREVISO
– (gp) Alla fine avevano ragione gli imputati: non è mai stato messo in atto nessun traffico illecito di rifiuti. Lo avevano detto fin dall'inizio, e ora il giudice Marco Biagetti ha infatti assolto con formula piena perchè il fatto non sussiste le cinque persone finite sotto accusa per aver violato, secondo la Procura di Treviso i commi 1 e 4 dell'articolo 256 del decreto legislativo 152 del 2006, ovvero “attività di gestione rifiuti non autorizzata”. Alla sbarra erano finiti gli imprenditori Angelo Dal Tio, presidente del cda della ditta "La Ti Esse" di Cimadolmo e Bruno Vittorio Dal Tio, socio di “La Ti Esse” e responsabile dell'ambiente entrambi difesi dagli avvocati Fabio Crea e Matteo Garbisi, Irma Conte, legale rappresentante della “Fornaci Grigolin spa” difesa dall'avvocato Pietro Barolo, Christian Grigolin, legale rappresentante della “Autorasporti Grigolin srl” difeso dall'avvocato Franco Zambelli, e Roberto Fantinato, titolare della “Fantinato srl” difeso dall'avvocato Emiliano Zancuoghi. L'impianto accusatorio, nel corso del procedimento penale che si è dimostrato lungo e complesso, è stato man mano smontato dalle difese degli imputati. In sintesi la Procura di Treviso contestava a vario titolo alle cinque persone, sulla base di un'indagine del Noe datata 2008, la produzione di pellet non regolare. Anzichè legno "vergine", gli imputati con ruoli e responsabilità diverse avrebbero invece usato resti della lavorazione, e quindi legno trattato e di conseguenza tossico nocivo. In realtà le difese hanno dimostrato che non è stato commesso alcun reato e che le aziende, leader del settore, hanno sempre lavorato rispettando la legge e le autorizzazioni di cui disponevano.