Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato a otto mesi e venti giorni per atti osceni in luogo pubblico e furto

MOSTRA I GENITALI ALLA VICINA E LE RUBA LE SEDIE DEL GIARDINO

Protagonista un veronese, assolto per minacce e violazione di domicilio


SARMEDE - (gp) Avrebbe mostrato i genitali a una vicina di casa, e in un secondo episodio avrebbe rubato le sedie dal giardino degli stessi vicini. Sono le accuse che hanno portato a processo un veronese di Legnago ma residente in passato a Sarmede. Proprio lì sono nati i problemi con il vicinato che hanno portato l’uomo a rimediare una condanna a otto mesi e venti giorni di reclusione per atti osceni in luogo pubblico e furto. Difeso dall’avvocato Diego Melioli, l’uomo aveva chiesto e ottenuto di essere ammesso al rito abbreviato anche perchè il suo legale era riuscito a mediare con le parti offese convincendole a ritirare la querela per i reati di minacce e violazione di domicilio. Accuse per le quali il giudice ha infatti disposto il non luogo a procedere. L’imputato, che ha avuto problemi di alcolismo, era già finito in carcere perché, durante un periodo di detenzione ai domiciliari in una comunità, in uno scatto d’ira aveva lanciato un televisore dalla finestra.