Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo il Gescal, in aula approda il caso dell'ammanco del Chiodo di via Montello

BUCO NELLE CASSE CONDOMINIALI: AL VIA I GUAI PER ROBERTO ARTUSO

La Procura contesta il mancato pagamento di bollette per 53 mila euro


TREVISO – (gp) Mentre il processo per il buco al condominio Gescal di via Francesco Da Milano è già entrato nel vivo, quello per il “Chiodo” di via Montello si è aperto ufficialmente. Sotto accusa per l'ipotesi di reato di appropriazione indebita ci sono Roberto Artuso, 51 anni, e la compagna Cristina Caodaglio, 44 anni, ovvero i titolari della Amministrazione Restera. E sono solo i primi due casi che finiscono in un'aula di tribunale: in Procura infatti sono depositate altre tre denunce di altrettanti complessi residenziali che nel tempo si sono trovati con consistenti ammanchi nei propri conti, ancora da quantificare nello specifico. Se nel primo caso, quello dei condomini Gescal “B” e “D”, la somma contestata è di circa 58 mila, ai quali se ne sono poi aggiunti altri 34.500, per il “Chiodo” (il cui legale rappresentante, Alessandro Cervi, si è costituito parte civile con l'avvocato Stefano Zoccarato) si parla nel dettaglio di 53.746,58 euro di “buco”. La difesa, rappresentata dall'avvocato Rossella Martin, contesta però le cifre descritte nel capo d'imputazione visto che parte delle somme sarebbe già stata pagata. Tesi supportata da una serie di fatture che verranno prodotte nel corso del processo, aggiornato a metà luglio. L'accusa mossa dalla Procura di Treviso però è dettagliata. Stando al capo d'imputazione, Roberto Artuso e Cristina Caodaglio avrebbero destinato quelle somme a fini personali o estranei al bene amministrato. Nello specifico avrebbero omesso di effettuare pagamenti di fatture e bollette nei confronti di Enel Energia per 2.865 euro per l'energia elettrica e 11.156 per la fornitura di gas, di Ats per 14.255, di il Tuo Giardino di di Marchetto Lucio per 9.907, OTIS servizi srl per 14.837, C.M. Elettrica snc per 4.233, C&G srl Manutenzione incendio per 2.707, Termica Sile srl per 1.654, Alizè srl Unipersonale per 3.943, Stefanato snc per 423, Triveneto srl Unipersonale per 187 e Artedilla srl per 10.863. Parte delle smme versate dai condomini, ovvero i 53 mila euro e spiccioli, secondo l'accusa sarebbero poi stati impiegati per effettuare pagamenti a soggetti non fornitori di servizi condominiali: in tutto 50.360 euro.