Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aveva fornito generalitÓ false: scoperto grazie alle impronte digitali

E' UN LADRO INCALLITO IL 26ENNE ARRESTATO A ZERO BRANCO

Deve scontare 4 anni per reati commessi a Spresiano e Mestre


TREVISO - Si ritrova sempre più invischiato nei guai il moldavo arrestato sabato mattina, a Zero Branco, dai Carabinieri. Il 26enne deve scontare quattro anni di prigione per furti ed altri reati commessi a Spresiano e Mestre, tra l'ottobre 2006 e il maggio 2010, e per questo, nei suoi confronti, pendeva un ordine di carcerazione per esecuzione pena, emesso dal Tribunale di Venezia.
La scoperta è stata fatta dai militari della compagnia di Treviso grazie alle impronte digitali, prelevate in occasione dell'arresto: una ricerca in archivio ha svelato la vera identità del giovane e, di conseguenza, i suoi precedenti. Non a caso, sapendo di essere ben noto alle forze dell'ordine, l'immigrato aveva fornito delle generalità false.
Il moldavo doveva già rispondere di  furto in abitazione, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. Sabato mattina era stato intercettato da una pattuglia, a bordo di una Skoda Yeti, rubata a Mestre la sera precedente. Datosi alla fuga, prima in auto e poi a piedi, era stato bloccato dopo un roccambolesco inseguimento, grazie anche al supporto di un elicottero dell'Arma, che stava sorvolando la zona. Prima di lasciarsi stringere le manette ai polsi, però, aveva ancora aggredito i carabinieri a calci e pugni. Ora, dopo l'udienza prevista per domani mattina, per lui si apriranno le porte del carcere.