Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Flaviano Iuliano (Siap): "Aveva promesso l'arrivo di nuovi agenti"

I POLIZIOTTI CONTRO MANILDO: "DICHIARAZIONI INACCETTABILI"

Stasera vertice sulla sicurezza dopo la rissa di sabato scorso


TREVISO - Si svolgerà in serata presso la Prefettura di Treviso, a partire dalle 19.30, il tavolo tecnico per l'ordine e la sicurezza dedicato al caso dell'aggressione subita sabato scorso da un autista della Mom da parte di un gruppo di giovani passeggeri. L'episodio ha ancora una volta messo a nudo la situazione di grave degrado della zona di via Roma, già teatro negli ultimi mesi di episodi di microcriminalità, ma soprattutto creato una forte frattura tra Ca' Sugana e la Questura di Treviso. Il sindaco Manildo, a chiare lettere, ha attaccato l'operato della polizia. “Le pattuglie miste? Fino ad oggi sono state effettuate solo dalla polizia locale. I nostri agenti non possono supplire alle funzioni proprie dello Stato”. Se dalla Questura non arriva per ora replica a questa polemica i sindacati di polizia rispondono al primo cittadino definendo come inaccettabile questo attacco del sindaco.
Queste le parole di Flaviano Iuliano, segretario regionale del sindacato Siap: "Se corrispondenti al vero, siamo stupiti delle dichiarazioni rese dal sindaco manildo agli organi di informazione, con riferimento alle accuse rivolte al Questore. Ma andiamo con ordine. Intanto va detto che la polizia di Stato con le sue pattuglie e’ sempre presente, soprattutto nei punti piu’ delicati della citta’ e nondimeno piu’ volte in provincia laddove i dati parlano chiaro circa gli interventi effettuati. pertanto, non corrisponde al vero che la polizia di stato non si vede. A questo si aggiunga proprio che questo Siap da tempo sollecita’ i rappresentanti istituzionali affinche’ facciano le dovute richieste al competente ministero dell’interno per un aumento di organico necessario a salvaguardare le esigenze di sicurezza, e tra questi rappresentanti istituzionali, se non rammentiamo male, lo stesso sindaco fu sollecitato in occasione della fine dell’ultimo corso per agenti di polizia, nella speranza che in questa provincia fossero trasferite risorse umane da destinare al controllo del territorio". E ancora: se non ricordiamo male, fu proprio il sindaco a dire che avrebbe chiamato o scritto a Roma. Ora, non vogliamo pensare che abbia potuto cambiare idea pensando invece di poter risolvere tutto con la gestione della polizia locale, avendo lo stesso dichiarato a suo tempo di “volersi tenere la delega sulla sicurezza”. Resta il fatto che se ha scritto o chiesto qualcosa a Roma, non lo hanno considerato visto che alla fine dell’ultimo corso per agenti, a Treviso non e’ stato destinato nessun operatore di polizia. Vieppiu’. Oggi il sindaco afferma che la sicurezza e’ compito del Questore, ed effettivamente non ha torto, ma qualche tempo fa, in campagna elettorale cavalcava invece molto bene questa tema.

Muraro: "Il sindaco non scarichi la colpa su terzi"

Il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro risponde al sindaco di Treviso, Manildo che rimanda le vicende di sabato alla mancata sorveglianza delle forze di polizia “Il sindaco non scarichi colpe su terzi: le forze dell’ordine stanno svolgendo sul territorio un ottimo lavoro, nonostante le difficoltà in cui sono. La vicenda è la conseguenza di un clima di lassismo generale che si avverte, bene o male, in città in questi ultimi tempi. Episodi come la mancanza di pugno fermo nei confronti di gruppi organizzati –vedi ZTL – sono evidentemente percepiti come segnali di debolezza istituzionale. Non siamo nel periodo storico in cui ci possiamo permettere queste leggerezze!”. E continua Muraro: “Anche le forze dell’ordine stanno patendo i tagli del Governo e mancano di risorse umane. Il sindaco, forse dovrebbe chiedere al suo Premier di prestare un po’ più attenzione al tema della sicurezza civile: i disagi sono dovuti principalmente alla crisi economica, che ha creato nuove povertà. Ora mettiamoci a lavorare tutti assieme perché la questione va gestita in casa e bene, anche a costo d’impopolarità. E ribadisco che la legalità deve venire prima di tutto. Bisogna evitare di lasciare brecce in cui si infila chi è furbo e senza ‘educazione civile’”.