Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Depositato il ricorso in appello contro la condanna di primo grado a 30 anni di carcere

ANZIANI RAPINATI: IN QUATTRO VOGLIONO LO SCONTO DI PENA

Le vittime: Bruna Colusso in via Boiago e Aldo Basso a Santrovaso


Bruna Colusso, l'84enne rapinata in via Boiago
TREVISO
– (gp) Dopo la stangata rimediata in primo grado, tutti chiedono uno sconto di pena. E' stato infatti depositato il ricorso in appello (udienza fissata a fine gennaio) da parte dei quattro imputati ritenuti responsabili della rapina di via Boiago a San Giuseppe del 28 agosto 2013 ai danni della 74enne Bruna Colusso e di quella del 25 agosto 2013 ai danni di Aldo Basso, 67enne ex meccanico dell'Actv residente a San Trovaso di Preganziol.

Il gup Angelo Mascolo, raddoppiando le richieste del pm Gabriella Cama, aveva condannato con rito abbreviato a 12 anni di reclusione il nomade 26enne Tommaso Marinkovic (considerato il capo della banda), 8 anni al 25enne romeno Gabriel Emanuel Farcas, 6 anni all'altro nomade di 29 anni Branko Durdevic e 4 anni, 5 mesi e 10 giorni al 18enne croato Radoslav Kostic, l'unico dei quattro ad aver collaborato con la giustizia permettendo alla Squadra Mobile di arrestare i due complici che si erano dati alla latitanza.

Il ricorso in appello parte proprio da quest'ultimo, difeso dall'avvocato Alessandra Nava: secondo la difesa, proprio in virtù della collaborazione con la giustizia, la pena andrebbe rimodulata. Diversa invece la posizione degli altri imputati: Gabriel Emanuel Farcas, difeso dall'avvocato Stefano Antoniazzi, Branko Durdevic e Tommaso Marinkovic, i due nomadi di 29 e 26 anni difesi entrambi dall'avvocato Francesco Murgia, hanno basato il ricorso entrando nel merito della sentenza negando, a vario titolo, di essere gli autori dei due colpi.

Ai quattro veniva inizialmente contestata anche un'altra rapina, quella ai danni di Ada Biscaro, l'84enne di Paese che si trovò faccia a faccia con i ladri il 27 agosto 2013 e che, dopo non essersi mai ripresa del tutto da quel fatto, venne a mancare nella notte tra il 28 e il 29 dicembre. Per gli inquirenti non c'erano sufficienti elementi per poter contestare loro anche questo colpo.