Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Processo al via a dieci anni di fatti dopo una battaglia sulla competenza territoriale

RAGAZZE SFRUTTATE E STUPRATE NEL NIGHT "SIBILLA": IN TRE IN AULA

Tre le presunte vittime: tutte romene, avevano tra i 23 e i 19 anni



POVEGLIANO
– (gp) A distanza di dieci anni dai fatti contestati, si è aperto in tribunale a Treviso il processo a carico di tre persone accusate a vario titolo di sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale. Alla sbarra, difesi dagli avvocati Ivana Taschin, Guido Galletti e Catia Salvalaggio, sono finiti Marcello De Marchi, 45enne di Istrana, Hysni Disha, 32enne albanese di Durazzo residente a Povegliano, e Zudi Dautoski, 40enne macedone di Dehar residente a Bassano del Grappa.

A rallentare l'inizio del procedimento penale (destinato comunque alla prescrizione) era stato un conflitto di competenze territoriali tra il tribunale di Treviso e quello di Tolmezzo (poi accorpato a Udine) che ha visto il pronunciamento della Corte Costituzionale per capire dove dovessero essere processati gli imputati. Dopo dieci anni, il fascicolo a carico dei tre è stato scorporato: a Treviso verranno giudicati i reati di sfruttamento della prostituzione e di violenza sessuale, a Udine quello di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Nello specifico, di fronte ai giudici trevigiani, De Marchi e Dautoski sono accusati di sfruttamento della prostituzione per aver reclutato due ragazze romene di 30 e 33 anni (all'epoca dei fatti ne avevano 20 e 23) per farle prostituire all'interno del night club “Sibilla” di Cornuda. Il primo in qualità di gestore del locale, il secondo in qualità di intermediario, secondo la Procura avrebbero regolato il flusso dei clienti e si sarebbero fatti consegnare da loro, prima di consumare i rapporti sessuali nei privè del locale, somme variabili che oscillavano comunque sui 100 euro l'ora.

De Marchi è anche accusato di violenza sessuale per aver, in una sola occasione, immobilizzato l'allora 20enne e averla costretta a subire un rapporto sessuale completo. Accusa simile a quella contestata a Disha: secondo la procura, dopo aver picchiato una terza ragazza all'epoca 19enne, e aver abusato delle condizioni di soggezione fisica e psichica della giovane, l'avrebbe in più occasioni costretta a subire rapporti sessuali non protetti. Accuse che gli imputati contestano negando ogni addebito. Si torna in aula a metà maggio.