Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una telefonata al centralino alle 11.55 annunciava la presenza di un ordigno

NUOVO ALLARME BOMBA IN TRIBUNALE: È LA SESTA VOLTA NEL 2014

Attività sospese per 45 minuti: a dicembre parte il meta detector


TREVISO – (gp) Per la sesta volta dall'inizio dell'anno (la terza in appena due mesi) il Tribunale di Treviso è stato fatto evacuare per un allarme bomba. Una telefonata anonima è giunta al centralino del palazzo di giustizia di via Verdi alle 11.55. Poco dopo la stessa voce ha annunciato la presenza di un ordigno in tribunale chiamando la sede di Antenna Tre Nordest a San Biagio di Callalta. Immediato è scattato l'allarme (installato da qualche mese) e sono state fatte uscire dall'edificio tutte le persone presenti, dai cancellieri ai magistrati, dagli avvocati ai normali utenti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri i quali, dopo aver controllato tutti i piani del tribunale, hanno fatto cessare l'allarme facendo riprendere le attività dopo appena tre quarti d'ora. Tra qualche settimana, come promesso dal presidente del tribunale Aurelio Gatto, verranno innalzate le misure di sicurezza ed entrerà in funzione il metal detector: a sorvegliarlo, in due turni, saranno la Polizia Locale e la Polizia Provinciale.