Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura esclude la morte violenta: un atto dovuto per fugare ogni dubbio

ANNEGATA NEL PIAVE: DISPOSTA L'AUTOPSIA SU MARIANGELA DAL BELLO

La 63enne di Segusino era scomparsa il 16 novembre scorso



SEGUSINO
– (gp) La Procura di Treviso ha disposto l'autopsia sul corpo di Mariangela Dal Bello, la 63enne di segusino scomparsa da casa il 16 novembre scorso e ritrovata cadavere domenica mattina nelle acque del Piave a Onigo di Pederobba. Si tratterebbe di un atto dovuto per fugare ogni dubbio sul decesso della donna considerato che per il magistrato di turno Massimo De Bortoli si tratterebbe di una caduta accidentale senza alcuna responsabilità di terzi.

La 63enne infatti non presentava ferite compatibili con una colluttazione e riconducibili a una morte violenza. Il decesso, da un primo esame, sarebbe infatti avvenuto per annegamento provocato, con ogni probabilità, a un'ipotermia dovuta alla bassa temperatura delle acque del Piave.

Del caso della scomparsa della donna si era occupata anche la trasmissione Chi l'ha visto?, contattata dal marito che aveva raccontato di aver peso di vista la moglie mentre stavano cercando il borsello che aveva perso qualche ora prima lungo la strada vecchia di Vas.

A dare l'allarme, e a permettere di porre fine alle ricerche anche se con l'epilogo più tragico, erano stati alcuni cacciatori che avevano notato il corpo della 63enne sul greto del Piave. Sul posto, per l'identificazione e il recupero della salma, erano intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Montebelluna.