Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura esclude la morte violenta: un atto dovuto per fugare ogni dubbio

ANNEGATA NEL PIAVE: DISPOSTA L'AUTOPSIA SU MARIANGELA DAL BELLO

La 63enne di Segusino era scomparsa il 16 novembre scorso



SEGUSINO
– (gp) La Procura di Treviso ha disposto l'autopsia sul corpo di Mariangela Dal Bello, la 63enne di segusino scomparsa da casa il 16 novembre scorso e ritrovata cadavere domenica mattina nelle acque del Piave a Onigo di Pederobba. Si tratterebbe di un atto dovuto per fugare ogni dubbio sul decesso della donna considerato che per il magistrato di turno Massimo De Bortoli si tratterebbe di una caduta accidentale senza alcuna responsabilità di terzi.

La 63enne infatti non presentava ferite compatibili con una colluttazione e riconducibili a una morte violenza. Il decesso, da un primo esame, sarebbe infatti avvenuto per annegamento provocato, con ogni probabilità, a un'ipotermia dovuta alla bassa temperatura delle acque del Piave.

Del caso della scomparsa della donna si era occupata anche la trasmissione Chi l'ha visto?, contattata dal marito che aveva raccontato di aver peso di vista la moglie mentre stavano cercando il borsello che aveva perso qualche ora prima lungo la strada vecchia di Vas.

A dare l'allarme, e a permettere di porre fine alle ricerche anche se con l'epilogo più tragico, erano stati alcuni cacciatori che avevano notato il corpo della 63enne sul greto del Piave. Sul posto, per l'identificazione e il recupero della salma, erano intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Montebelluna.