Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"In Emilia, Lega punto di riferimento, in Veneto non ci sarà astensionismo"

"CHI VUOLE CAMBIARE LO SCHEMA IN REGIONE, DOVRÀ FARE I CONTI CON ME"

Luca Zaia conferma che l'amministrazione dovrà arrivare al termine


TREVISO  - “Questa amministrazione va portata a termine, nel rispetto degli impegni con i Veneti. Se qualcuno vuole cambiare schema di gioco, dovrà fare i conti con me”. Luca Zaia è chiaro sulle voci di possibili cambi di maggioranza in Regione, anche in virtù del crescente consenso raccolto a livello nazionale dalla sua Lega. Per solo nel 2015, a legislatura conclusa e in vista delle nuove elezioni, si potrà pensare ad alleanze diverse. “Ma prima – avverte il governatore – bisogna parlare di programmi”.
Il risultato delle elezioni in Emilia Romagna, secondo Zaia, conferma la validità della linea e del modello di partito indicato da Matteo Salvini, ma anche le difficoltà del Pd renziano a rappresentare una certa sinistra. Il presidente della Regione non teme un astensionismo analogo nella consultazione in Veneto del prossimo anno: “Proprio perchè – dice – la Lega sa parlare ai cittadini”.
E sulla questione dell'indipendenza Zaia ribadisce come la giunta stia lavorando sulla duplice ipotesi affidatagli dal consiglio di referendum e per questo abbia presentato anche ricorso davanti alla Corte costituzionale: “Quella democratica è l'unica via – ammonisce il governatore –. Chi non vuole questo approccio è un incivile”.