Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiusa la vicenda giudiziaria di un ispettore in servizio alla Questura di Belluno

"SONO UN POLIZIOTTO": NON ESIBISCE I DOCUMENTI, ASSOLTO

A denunciarlo, e a trascinarlo in aula, i carabinieri di Vittorio Veneto



VITTORIO VENETO
– (gp) Il calvario giudiziario del poliziotto 50enne in servizio nella Questura di Belluno è finalmente terminato. L'uomo, finito a processo perché si sarebbe rifiutato di fornire le proprie generalità ai carabinieri e difeso in aula dall'avvocato Giuseppe Pio Romano, è stato infatti assolto dal giudice con formula piena.

La vicenda risale al 20 gennaio 2010 quando il poliziotto, che stava attraversando Vittorio Veneto alla guida del suo camper, venne fermato da una pattuglia in borghese dei carabinieri che stavano effettuando un servizio di controllo per combattere i reati predatori che nella zona si erano susseguiti in quelle settimane. Il 50enne si identificò subito dicendo: “Sono un poliziotto”. In aula aveva anche riferito che i colleghi lo avrebbero pure riconosciuto in quanto, in passato, avrebbero svolto assieme dei servizi coordinati interforze. Per cui il poliziotto non diede alcun documento, andò a parcheggiare il camper nella sua abitazione, che distava qualche decina di metri, e fece scendere le due figlie che viaggiavano con lui.

Sembrava una questione risolta, invece l'ispettore venne denunciato dai carabinieri per non aver fornito le proprie generalità e gli venne comminata un'ammenda di 100 euro. A quel punto il poliziotto si oppose a quella sanzione, considerata ingiusta, e a processo venne assolto. Contestualmente però il giudice inviò gli atti al pm per valutare se ci fossero i presupposti per contestare al poliziotto la violazione delle norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Il risultato fu un decreto penale di condanna da 3750 euro in sostituzione di 15 giorni di reclusione. Il poliziotto, a questo punto, si riaffidò all'avvocato Giuseppe Pio Romano per presentare una seconda opposizione, finendo di nuovo a processo: per la seconda volta il giudice ha decretato l'innocenza dell'ispettore in servizio alla Questura di Belluno.