Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiusa la vicenda giudiziaria di un ispettore in servizio alla Questura di Belluno

"SONO UN POLIZIOTTO": NON ESIBISCE I DOCUMENTI, ASSOLTO

A denunciarlo, e a trascinarlo in aula, i carabinieri di Vittorio Veneto



VITTORIO VENETO
– (gp) Il calvario giudiziario del poliziotto 50enne in servizio nella Questura di Belluno è finalmente terminato. L'uomo, finito a processo perché si sarebbe rifiutato di fornire le proprie generalità ai carabinieri e difeso in aula dall'avvocato Giuseppe Pio Romano, è stato infatti assolto dal giudice con formula piena.

La vicenda risale al 20 gennaio 2010 quando il poliziotto, che stava attraversando Vittorio Veneto alla guida del suo camper, venne fermato da una pattuglia in borghese dei carabinieri che stavano effettuando un servizio di controllo per combattere i reati predatori che nella zona si erano susseguiti in quelle settimane. Il 50enne si identificò subito dicendo: “Sono un poliziotto”. In aula aveva anche riferito che i colleghi lo avrebbero pure riconosciuto in quanto, in passato, avrebbero svolto assieme dei servizi coordinati interforze. Per cui il poliziotto non diede alcun documento, andò a parcheggiare il camper nella sua abitazione, che distava qualche decina di metri, e fece scendere le due figlie che viaggiavano con lui.

Sembrava una questione risolta, invece l'ispettore venne denunciato dai carabinieri per non aver fornito le proprie generalità e gli venne comminata un'ammenda di 100 euro. A quel punto il poliziotto si oppose a quella sanzione, considerata ingiusta, e a processo venne assolto. Contestualmente però il giudice inviò gli atti al pm per valutare se ci fossero i presupposti per contestare al poliziotto la violazione delle norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Il risultato fu un decreto penale di condanna da 3750 euro in sostituzione di 15 giorni di reclusione. Il poliziotto, a questo punto, si riaffidò all'avvocato Giuseppe Pio Romano per presentare una seconda opposizione, finendo di nuovo a processo: per la seconda volta il giudice ha decretato l'innocenza dell'ispettore in servizio alla Questura di Belluno.