Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, centinaia di bimbi e genitori si troveranno in piazza Giovanni Paolo I

“TUTI A TIRAR BANDÒT PER CIAMAR SANICOLÒ”

L'appuntamento con la tradizione popolare il 5 dicembre a Ceneda


VITTORIO VENETO - “Tuti a tirar bandòt per ciamar SaNicolò”: si rinnova a Ceneda di Vittorio Veneto venerdì 5 dicembre l’appuntamento con una tradizione popolare legata a San Nicolò. I bambini, accompagnati da genitori e nonni, tireranno bandòt per le vie del quartiere quale richiamo per il santo, affinché nella notte tra il 5 e il 6 dicembre faccia visita, con dei doni, alle loro case. Il ritrovo per tirar bandòt è alle 17,30 in piazza Giovanni Paolo I, davanti alla Cattedrale. A Ceneda la tradizione dei bandòt ha più di 70 anni e viene tramandata di generazione in generazione. Come un tempo, la vigilia del 6 dicembre, giorno in cui si ricorda San Nicola di Bari, centinaia di bambini si danno appuntamento in piazza per “ciamàr San Nicolò tirando i bandòt per le vie e dopo, ceti, ceti, spetar che el rive a casa co i so regai” (chiamare San Nicolò tirando i bandòt e poi in silenzio aspettare che arrivi a casa con i suoi regali).
Su lunghi fili vengono agganciate delle latte che, trascinate a terra, generano un forte rumore con lo scopo di richiamare il santo. Un tempo, ricordano gli anziani, si cercavano vecchi secchi, pezzi di latta arrugginiti, e la ricerca iniziava già molte settimane prima. Oggi i bambini sono più fortunati perché possono contare sulle lattine di bibite o altri barattoli, ma la fantasia non manca mai perché si può veder tirare oggetti vari. E come un tempo, rientrati a casa, si prepara un po’ di fieno per l’asinello di San Nicolò e un bicchiere di vino per il santo, nella speranza al mattino di trovare dei doni, che un tempo erano soprattutto arachidi e mandarini.

Questa tradizione è riproposta a Ceneda già da diversi anni grazie all’impegno del gruppo parrocchiale San Nicolò e dei volontari di Insieme per Ceneda. Lo scorso anno erano oltre 300 i bambini arrivati a Ceneda per tirar bandòt. Venerdì appuntamento in piazza, poi si percorreranno poi le vie San Tiziano, Cal da Poz, Frassinelle e della Gallina, per fare ritorno in piazza.