Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bernini: "A rischio metÓ del personale di Provincia e Cciaa, ma anche l'indotto"

LAVORATORI PUBBLICI: NELLA MARCA "PERSI" 58 MILIONI IN QUATTRO ANNI

Per la Cgil, i contratti non rinnovati costano da 3 a 5mila euro a testa


TREVISO - Quasi 58 milioni di euro in meno nelle tasche dei lavoratori trevigiani del pubblico impiego. A tanto ammonta il “prezzo” pagato dai dipendenti di comuni, provincia, ulss ed altri enti locali o statali della Marca a causa del mancato rinnovo dei contratti di categoria, fermi ormai dal 2010. A fare la stima è il segretario provinciale della Fp Cgil di Treviso, Ivan Bernini: “Si sta impoverendo chi con sempre più difficoltà sta continuando a lavorare e offrire servizi – attacca Bernini -. In questi quattro anni i 16mila dipendenti pubblici trevigiani hanno perso mediamente 3mila euro lordi per un totale complessivo pari a 48 milioni sottratti alle tasche dei lavoratori. Senza contare la parte di dirigenti pubblici e di medici della Ulss che senza adeguamenti contrattuali hanno perso mediamente 5mila euro, per un totale di altri 10 milioni non confluiti sul territorio”.
Il sindacato pone sotto accusa la Legge di Stabilità che, a causa dei tagli, rischia di provocare svariati licenziamenti, nonostante la cosiddetta riforma Delrio avesse fissato garanzie per l'occupazione, nell'ambito di una riorganizzazione delle funzioni e dell'assetto. In particolare, nell'amministrazione provinciale e alla Camera di commercio, secondo la Fp Cgil, si paventano esuberi per metà del personale.
Ma le conseguenze potrebbero allargarsi anche ben oltre i confini dei soli enti pubblici: “I tagli alla spesa e agli investimenti opereranno un’ulteriore contrazione delle risorse – conferma Bernini -, colpendo l’indotto e quanti lavorano con e per le Pubbliche Amministrazioni, dunque le cooperative e i fornitori di tutte le categorie merceologiche”.
Per questo, nella Marca, oltre ai dipendenti del settore pubblico l'obiettivo è coinvolgere anche i lavoratori della cooperazione sociale, che in provincia conta non meno di diecimila addetti, nello sciopero generale indetto da Cgil e Uil per il prossimo 12 dicembre.

Galleria fotograficaGalleria fotografica