Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Monologo con in scena il Coro Valcavasia e Isaac de Martin alla chitarra

"L'ALBERO STORTO", BEPPE CASALES PORTA A TEATRO L'UMANITĄ NELLA TRINCEA

L'intervista all'autore e attore, sabato ai Carichi Sospesi di Padova


PADOVA - (ag) “L'albero storto. Una storia di trincea”. Lo spettacolo di Beppe Casales di scena sabato 6 dicembre al circolo Arci Carirchi Sospesi di Padova, trova origine dal nome di una famosa trincea del Carso in mano agli austroungarici. Simbolo della Prima Guerra Mondiale e di quella “deformazione” dell'essere umano, effetto dell'atroce macchina della guerra, l'albero storto rappresenta anche “la natura, e l'umanità che nonostante tutto resiste, spera e riesce a pensare alla vita”. Così spiega l'autore e interprete dello spettacolo, Beppe Casales, che in questo lavoro, diretto da Mirko Artuso, ha coinvolto in scena il Coro Valcavasia e Isaac de Martin, nelle musiche e alla chitarra. “Ho cercato di restituire quello che di umano c'era nella cosa più disumana possibile. Volevo scrivere qualcosa di nuovo e ho studiato molto. Penso sia giustissimo ricordare la letteratura di chi ci ha preceduto ma penso che sia più importante scrivere nuova drammaturgia nel nostro Paese.”
La storia segue le vicende di un ufficiale, il “Capitan”, e due soldati, Tonon e Romeo, impegnati a prendere la trincea dell'albero storto. Assieme a loro molti altri soldati che con il loro canto scandiscono la storia della Grande Guerra sul fronte italiano, le fragilità della trincea, un luogo di ricordo, di canti, di attesa, di spasmo, di battaglia.

Sopra il link all'intervista completa di Alessandra Ghizzo. 

Per informazioni www.beppecasales.com

Galleria fotograficaGalleria fotografica