Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiesta in aula l'assoluzione per Paolo Cecconato e Paolo Maria Amoroso D'Aragona

ONORIFICENZE SOSPETTE: PER IL PM NON SI TRATTA DI UNA TRUFFA

I due sarebbero i vertici dell'Ordine di Santa Maria di Betlemme



TREVISO
– (gp) Nessuna truffa. Il processo a carico di Paolo Cecconato, 72enne trevigiano, e Paolo Maria Amoroso D'Aragona, pugliese di 46 anni, finirà con ogni probabilità con una sentenza di assoluzione. A chiederlo è stato lo stesso pm al termine dell'istruttoria dibattimentale, rinviata a febbraio per le repliche e la sentenza. Secondo quanto sostenuto finora dalla Procura di Treviso, i due imputati avrebbero distribuito onorificenze relative a un ordine inesistente.

Si tratta dell'inchiesta della Guardia di Finanza di Treviso in merito all'Ordine di Santa Maria di Betlemme. Il primo, in qualità di “Marchese Gran Cancelliere con Collare”, e il secondo che si presentava come “Principe Gran Maestro dell'Ordine”, avrebbero cominciato a raccogliere adepti fin dal 1987 in tutta la Marca, tenendo come in una loggia gli elenchi dei nomi degli iscritti. L'ingresso nel gruppo comportava il versamento di una somma di denaro che sarebbe risultata variabile, ma con spese fisse per “diritti di cancelleria” attestate in 60 euro.

Ma le difese, rappresentate dagli avvocati Luigi Fadalti e Franca Tonello, hanno sempre contestato l'impianto accusatorio sostenendo con forza l'innocenza dei propri assistiti. “La magistratura si è già pronunciata più volte escludendo la sussistenza di qualsiasi reato – ha affermato più volte nel corso del processo l’avvocato Fadalti, legale di Cecconato - Tutti i precedenti procedimenti si sono infatti conclusi favorevolmente sia nei confronti dell’Ordine di Santa Maria di Betlemme sia dei suoi rappresentanti”.