Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dino De Poli: "Un po' di nostalgia c'è, ma stiamo lavorando per il futuro"

UN SECOLO DI STORIA DI TREVISO VISTO DAGLI SPORTELLI DI CASSAMARCA

Nel centenario, un saggio ricostruisce le vicende della banca


TREVISO - Un secolo di storia, intimamente connesso con la storia della città. La Cassa di risparmio della Marca Trevigiana, la Cassamarca, ripercorre i suoi cento anni con un volume curato da Ivano Sartor. Il saggio, frutto di un lavoro di ricerca decennale, traccia le vicende della principale banca pubblica della Marca, ma, proprio per questo, delinea anche l'evoluzione della società e dell'economia trevigiane.
Dopo la prima ipotesi nel 1908, la Cassamarca fu fondata nel 1913, diventando operativa l'anno successivo. Distinguendosi subito per una peculiarità rispetto a precedenti esperienze simili ottocentesche: la vocazione, esplicitamente dichiarata dai fondatori, ad una dimensione provinciale e non più solo cittadina. Nato all'interno dell'antico Monte di pietà, ne è presto diventato autonomo, con una propria sede in piazza dei Signori. La Cassa di risparmio ha attraversato tutto il Novecento trevigiano, a partire dai grandi conflitti mondiali. Nella grande guerra, pur sfollata la direzione generale a Firenze, fu l'unico istituto a mantenere uno sportello in città dopo Caporetto, diventando l'“agenzia del fronte”, dove si appoggiava l'Esercito per l'invio del denaro ai soldati. Nel secondo dopoguerra, la banca diventa protagonista del sostegno all'economia, nel passaggio dall'assetto rurale al nascente sistema industriale. Negli anni incorpora anche altri istituti: di Castelfranco, Asolo, Vittorio Veneto e sperimenta anche un'espansione fuori dai confini provinciali. La Cassa di risparmio della Marca Trevigiana ha cessato la sua operatività nel 2002, in seguito alla fusione in Unicredit. A continuare i fini sociali che ne avevano segnato la nascita, è ora la Fondazione nata sull'eredità della Cassamarca.
Per Dino De Poli, presidente della Fondazione (dopo aver guidato anche la banca), l'inevitabile nostalgia per la Cassa di risparmio non deve distrarre dai progetti futuri.