Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La Congrega per le tradizioni lancia un una serie di eventi sugli artisti trevigiani "dimenticati"

LO SPIRITO DELLA VECCHIA TREVISO NEI DIPINTI DI GIANCARLO DAVID

Mostra sul pittore curata da Giorgio Fantin all'osteria da "Muscoli's"


TREVISO - Pittore, incisore, restauratore: Giancarlo David è stato un artista a tutto tondo. E, pur esendo di origini foreste, anche un esponente del più tipico spirito della vecchia Treviso. Nato a Caorle nel 1948, dopo aver frequentato l'Istituto d'arte ai Carmini e l'Accademia di Belle arti a Venezia, si era trasferito nella Marca nei primi anni '70 per insegnare al Liceo artistico cittadino, rimanendovi fino alla prematura scomparsa, nel 2003.
Ora una retrospettiva ne ricorda la figura e l'opera. A curare la piccola mostra, per conto della Congrega per il recupero delle tradizioni trevisane, Giorgio Fantin, che di David fu amico e che ha messo insieme per l'occasione una serie di quadri posseduti da altri compagni e conoscenti di vecchia data. E con le opere riemergono gli aneddoti: dagli affreschi ritrovati in un'antica casa del centro durante lavori di ristrutturazione alle serate di “Magnar d'artista”, con i ristoratori “pagati” in disegni e schizzi. Non casuale nemmeno la sede scelta per l'esposizione: l'osteria da “Muscoli's” in Pescheria, dove la congrega ha ricavato un proprio spazio, in una commistione tra cultura e convivialità profondamente praticata dallo stesso pittore.
L'evento atturale, del resto, è la seconda tappa (la prima era stata riservata a Sante Cancian) di un ciclo di esposizioni che Fantin e la congrega intendono dedicare a pittori e artisti trevigiani, spesso purtroppo dimenticati o poco conosciuti, soprattutto dai più giovani.
La mostra rimarrà aperta fino al 30 dicembre: oggi l'inaugurazione ufficiale, bevendo “un'ombra” alla salute dell'arte, proprio come sarebbe piaciuto a Giancarlo David.


Vi riproponiamo l'intervista integrale con Giorgio Fantin