Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il banchiere a Treviso alla presentazione del centenario di Cassamarca

"STIAMO RINEGOZIANDO IL DEBITO, POTREMMO CHIUDERE ENTRO L'ANNO"

Ghizzoni, ad UniCredit, ottimista sulla trattativa con Fondazione


TREVISO - «Stiamo lavorando di comune accordo. Sono ottimista che si possa chiudere tutto entro l'anno». Lo ha dichiarato l'amministratore delegato di di UniCredit, Federico Ghizzoni, in merito alle trattative in corso per la rinegoziazione del debito della Fondazione Cassamarca, storico azionista dell'istituto. Ghizzoni era ieri a Treviso per la presentazione del libro sui cento anni di storia della Cassa di risparmio della Marca Trivigiana. La Fondazione, infatti, ha una consistente esposizione nei confronti del gruppo: Ghizzoni ha confermato che il confronto verte su una rinegoziazione del debito, anche se non ne ha specificato i contenuti: “Quando chiuderemo, daremo insieme l’annuncio. Posso dire, però, che la discussione procede positivamente”. Il banchiere ha ribadito come il ruolo delle fondazioni rimanga fondamentale e come un inasprimento della tassazione su questi soggetti, ipotizzato nella Legge di Stabilità, rischi di provocare una riduzione delle erogazioni: «Penso che oggi lo Stato non abbia più la forza finanziaria per sostenere molte iniziative nel sociale e quindi è opportuno favorire i privati in questa attività, proprio perché devono sostituirsi allo Stato».
Riguardo alla situazione di Unicredit, l’ad ha garantito che il piano di rafforzamento messo in atto ha ottenuto i risultati desiderati: «Abbiamo superato lo stress test Bce con 10 miliardi di capitale in eccesso. È sufficiente questo». Rispondendo a chi chiedeva della possibilità di un aumento del dividendo distribuito dal gruppo bancario (attualmente vi sarebbero risorse accantonate per 0,10 euro per azione), Ghizzoni ha detto: «Ce lo auguriamo tutti». «Parlerò a chiusura dei risultati dell'anno – ha aggiunto -. Alla fine del terzo trimestre abbiamo rispettato i nostri impegni in termine di utile, contiamo perciò di chiudere il 2014 positivamente. Poi parleremo di dividendi».