Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Visita al comando dell'Arma, via a controlli speciali nei prossimi giorni

L'ESERCITO? "COMPORTA UNA VALUTAZIONE POLITICA"

Il Generale Maurizio Detalmo Mezzavilla: "Mi astengo da valutazioni"


TREVISO - "L'impiego dell'esercito comporta una valutazione politica che non è al mio livello e quindi mi astengo da valutazioni". Così il Generale di Brigata, Maurizio Detalmo Mezzavilla, vertice dell'Arma dei carabinieri della regione Veneto, risponde al governatore Luca Zaia che ha avanzato ieri la proposta di far intervenire i militari per combattere l'aumento di furti e rapine nel nostro territorio. Il Generale di Brigata ha visitato in mattinata il comando dell'Arma di Treviso ed ha incontrato il comandante, Ruggiero Capodivento, il Prefetto Anna Maria Marrosu, il procuratore capo della Repubblica, Michele Dalla Costa, il comandante della Guardia diIl Generale Detalmo Mezzavilla Finanza, Giuseppe De Maio ed il Questore, Tommaso Cacciapaglia. Tra i vertici delle forze dell'ordine della provincia c'è stato un informale confronto sulla situazione che la Marca sta vivendo nelle ultime settimane. "La situazione in provincia è di buon profilo": ha detto Maurizio Detalmo Mezzavilla, annunciando controlli speciali su tutto il territorio veneto in concomitanza con l'avvicinarsi delle festività natalizie, simili a quelli svolti nell'ultimo ponte dell'Immacolata. Il Generale di Brigata inoltre non si è detto contrario al nuovo fenomeno della "web sicurezza" con numerosi gruppi di cittadini nati su Facebook ma ricorda: "Se i cittadini durante questo scambio di informazioni apprendono notizie utili suggerisco sempre di contattare i carabinieri".



IL PROGETTO: IMPIEGARE EX
CARABINIERI E POLIZIOTTI

A presentare la proposta di legge il consigliere regionale Pipitone

Antonino Pipitone (Idv)Incentivare le convenzioni tra i comuni veneti e le associazioni combattentistiche e d’arma per realizzare attività complementari di supporto alla polizia locale. Questo l’obiettivo di un Progetto di Legge illustrato oggi alla stampa dal suo proponente, il consigliere regionale dell’IdV, Gennaro Marotta e dal capogruppo Antonino Pipitone, presenti i rappresentanti delle associazioni degli ex Carabinieri e della Polizia di Stato e dell’ANMI. “Si tratta – ha dichiarato Marotta - di una proposta concreta al sempre più crescente disagio e allarme sicurezza che ormai caratterizza molte zone della nostra regione. Con la nostra iniziativa legislativa si andrebbe ad aumentare la presenza di figure esperte e qualificate che possono esercitare una forma di controllo nei confronti di balordi e abusivi e, al tempo stesso, contribuire a promuovere il senso civico, il rispetto della legalità e l’educazione alla convivenza. Ritengo, inoltre, si tratti di una risposta concreta che risponde alle richieste del Presidente Zaia, quando invoca l’intervento dell’esercito per garantire la sicurezza dei nostri territori. Noi come Gruppo – ha concluso - ci spenderemo fino all'ultimo affinché questa proposta possa trovare accoglimento in commissione ed in aula ed essere votata prima della fine della legislatura”. “Considerata la particolare situazione di insicurezza in cui vivono i nostri cittadini, - ha ribadito Pipitone - credo sia un vero peccato non usufruire della disponibilità di persone che hanno svolto servizio della polizia di Stato o nell’esercito e che quindi sono in grado garantire professionalità e competenza, sapendo, ovviamente, che la loro non potrà mai sfociare in attività repressiva al pari delle forze dell’ordine, ma limitarsi al solo controllo dei territori”.