Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Insieme ad altri due compagni visiterà i campi profughi e le comunità locali

DA TREVISO AL KURDISTAN PER PORTARE SOSTEGNO ALLA LOTTA CONTRO L'ISIS

Davide Giacometti è in partenza per il confine turco-siriano


TREVISO - Da Treviso al confine turco-siriano, per portare sostegno e per conoscere in prima persona la realtà dei rifugiati curdi, fuggiti dalle persecuzioni dell'Isis, il gruppo integralista che vorrebbe ricostituire il califfato islamico. E' l'obiettivo del viaggio che Davide Giacometti si appresta a compiere: il 29enne trevigiano partirà venerdì, insieme a due altri giovani di Mestre, per la regione, dove si tratterrà fino al 22 dicembre, quando verranno “rilevati” da altri ragazzi di Bologna. Giacometti, che fa parte del collettivo Ztl Wake Up (ma la trasferta è del tutto indipendente, scollegata da qualsiasi organizzazione), e suoi compagni visiteranno alcuni dei cinque campi profughi dove si sono concentrare migliaia di curdi e incontreranno i responsabili di alcune comunità locali. Scopo, compredendere e testimoniare le condizioni di vita di queste persone, per contribuire, per quanto possibile, a ravvivare l'attenzione dell'opionione pubblica su quella che definiscono una guerra dimenticata. Proprio per questo, Davide, sfruttando le sue conoscenze di autore di video, conta di realizzare un reportage sulla sua esperienza. Per ragioni logistiche, i tre non potranno portare con sé aiuti, ma verificheranno sul campo quali possibiltà ci sono di dar vita ad iniziative umanitarie. Per questo è allo studio l'avvio di una raccolta fondi.