Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra le ipotesi, un terminal aperto verso S. Zeno e l'abbattimento del cavalcavia

INTESA COMUNE-FS: È PARTITA LA RIVOLUZIONE DELLA STAZIONE

Firmato il protocollo per riqualificare 30 ettari di territorio in centro


TREVISO – La rivoluzione dell'area della stazione ferroviaria è partita. A Ca' Sugana è stato infatti firmato il protocollo d'intesa tra il Comune di Treviso e i rappresentanti delle cinque società interessate: oltre alla capogruppo Fs, le controllate Rfi, Trenitalia, Fs Logistica, Fs Sistemi urbani.

"Un'operazione epocale che disegnerà la Treviso del futuro" è stata definita sia dal sindaco Giovanni Manildo e dall'assessore al Territorio Paolo Camolei, sia dal rappresentante delle Ferrovie dello Stato Carlo De Vito, che hanno applaudito all'accordo che sancisce una sinergia volta a ripensare e riqualificare le aree delle tre stazioni ferroviarie di Treviso: la centrale, lo scalo Motta e l'ex stazioncina di Santi Quaranta.


Il primo passo sarà la costituzione di un gruppo di lavoro, con lo scopo di stilare un piano di risistemazione dell'intera area della stazione ferroviaria (circa trenta ettari di territorio), fino all’ex albergo “Al Cuor” da un lato, e al bastione San Marco - ex Camuzzi, dall’altro. Il master plan stabilirà le linee guida della trasformazione, ma alcuni punti fermi sono stati fissati: il terminal ferroviario dovrà avere essere aperto non solo verso il centro, come oggi, in modo da ricucire il tessuto con San Zeno e San Lazzaro; verrà studiato l'inserimento di nuove funzioni; si punterà alla creazione di un polo intermodale ferro-gomma, con l'accorpamento della stazione delle corriere, ma anche realizzando di un parcheggio per le auto di chi voglia recarsi a piedi nel cuore cittadino. Non solo, la rivisitazione riguarderà pure lo scalo Motta (oltre centomila metri quadri) e l’ex stazioncina di Santi Quaranta.


Ca' Sugana ha dettato tempi precisi: il team si costituirà a gennaio e dovebbre concludere i suoi lavori entro fine 2015. Subito dopo verrà indetto un concorso di idee su scala internazionale, per tradurre in progetti concreti gli indirizzi del master plan. Non a caso, del team, oltre a due docenti di pianificazione urbanistica dello Iuav ed esponenti dell’Ordine degli architetti, farà parte anche un esperto di finanza applicata alle infrastrutture pubbliche di Ca’ Foscari.