Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra le ipotesi, un terminal aperto verso S. Zeno e l'abbattimento del cavalcavia

INTESA COMUNE-FS: ╚ PARTITA LA RIVOLUZIONE DELLA STAZIONE

Firmato il protocollo per riqualificare 30 ettari di territorio in centro


TREVISO – La rivoluzione dell'area della stazione ferroviaria è partita. A Ca' Sugana è stato infatti firmato il protocollo d'intesa tra il Comune di Treviso e i rappresentanti delle cinque società interessate: oltre alla capogruppo Fs, le controllate Rfi, Trenitalia, Fs Logistica, Fs Sistemi urbani.

"Un'operazione epocale che disegnerà la Treviso del futuro" è stata definita sia dal sindaco Giovanni Manildo e dall'assessore al Territorio Paolo Camolei, sia dal rappresentante delle Ferrovie dello Stato Carlo De Vito, che hanno applaudito all'accordo che sancisce una sinergia volta a ripensare e riqualificare le aree delle tre stazioni ferroviarie di Treviso: la centrale, lo scalo Motta e l'ex stazioncina di Santi Quaranta.


Il primo passo sarà la costituzione di un gruppo di lavoro, con lo scopo di stilare un piano di risistemazione dell'intera area della stazione ferroviaria (circa trenta ettari di territorio), fino all’ex albergo “Al Cuor” da un lato, e al bastione San Marco - ex Camuzzi, dall’altro. Il master plan stabilirà le linee guida della trasformazione, ma alcuni punti fermi sono stati fissati: il terminal ferroviario dovrà avere essere aperto non solo verso il centro, come oggi, in modo da ricucire il tessuto con San Zeno e San Lazzaro; verrà studiato l'inserimento di nuove funzioni; si punterà alla creazione di un polo intermodale ferro-gomma, con l'accorpamento della stazione delle corriere, ma anche realizzando di un parcheggio per le auto di chi voglia recarsi a piedi nel cuore cittadino. Non solo, la rivisitazione riguarderà pure lo scalo Motta (oltre centomila metri quadri) e l’ex stazioncina di Santi Quaranta.


Ca' Sugana ha dettato tempi precisi: il team si costituirà a gennaio e dovebbre concludere i suoi lavori entro fine 2015. Subito dopo verrà indetto un concorso di idee su scala internazionale, per tradurre in progetti concreti gli indirizzi del master plan. Non a caso, del team, oltre a due docenti di pianificazione urbanistica dello Iuav ed esponenti dell’Ordine degli architetti, farà parte anche un esperto di finanza applicata alle infrastrutture pubbliche di Ca’ Foscari.