Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, la denuncia dell'amministrazione, finora segreta, risale ad alcune settimane fa

CASERMA PIAVE OCCUPATA: ESPOSTO DEL COMUNE ALLA PROCURA

Il Collettivo avrebbe le ore contate: lo sgombero nei prossimi giorni


TREVISO - L'occupazione della caserma Piave da parte del Collettivo Ztl, in corso dal 25 ottobre scorso, pare avere ormai i giorni contati. Poche settimane fa, attorno al 20 novembre, il Comune di Treviso ha presentato un esposto in Procura per il reato di occupazione di edificio: un atto dovuto, questo, in vista di uno sgombero che appare ormai essere prossimo. In queste settimane il Collettivo aveva creato nell'area quello che è stato battezzato "centro sociale Django", sostenendo di non voler abbandonare volontariamente la struttura dismessa di via Monterumici.