Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, la denuncia dell'amministrazione, finora segreta, risale ad alcune settimane fa

CASERMA PIAVE OCCUPATA: ESPOSTO DEL COMUNE ALLA PROCURA

Il Collettivo avrebbe le ore contate: lo sgombero nei prossimi giorni


TREVISO - L'occupazione della caserma Piave da parte del Collettivo Ztl, in corso dal 25 ottobre scorso, pare avere ormai i giorni contati. Poche settimane fa, attorno al 20 novembre, il Comune di Treviso ha presentato un esposto in Procura per il reato di occupazione di edificio: un atto dovuto, questo, in vista di uno sgombero che appare ormai essere prossimo. In queste settimane il Collettivo aveva creato nell'area quello che è stato battezzato "centro sociale Django", sostenendo di non voler abbandonare volontariamente la struttura dismessa di via Monterumici.