Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Astensione di 8 ore per protestare contro Jobs act e legge di Stabiltà

DOMANI LA MARCA SI FERMA PER LO SCIOPERO GENERALE DI CGIL E UIL

Treni regolari dopo la precettazione, possibili disagi per bus e aerei


TREVISO - Anche nella Marca, venerdì i lavoratori scenderanno in piazza per lo sciopero generale indetto su scala nazionale da Cgil e Uil (non ha invece aderito la Cisl).
L'astensione, per l'intera giornata di otto ore per tutte le categorie, è stata proclamata per protestare contro le recenti manovre del governo, in particolare legge di Stabilità e Jobs act, come sintetizza lo slogan della giornata “Così non va!”, ma anche per sostenere le proposte sindacali in tema di lavoro, riforma della Pubblica amministrazione e politica economica.
In consenguenza della mobilitazione dei lavoratori diversi servizi, fatti salvi quelli essenzial, potrebbero non essere effettuati o subire riduzioni e rallentamenti, a partire dai trasporti. Treni regolari, dopo che il ministro dei Trasporti ha precettatto i ferrovieri, mentre disagi potrebbero riguardare chi prende autobus o corriere: a Treviso lo scioperò sarà dalle 15 alle 23 per gli addetti sia delle rete urbana che extraurbana; a Venezia i dipendenti del trasporto pubblico locale urbano e di navigazione sciopereranno dalle 9,30 alle 16,30 e dalle 15 alle 23 quelli dell'extraurbano; a Verona dalle 10 alle 18 sia per l'urbano che l'extraurbano; a Padova dalle 15,30 a fine turno per l'urbano e dalle 14,30 a fine turno per extraurbano; a Vicenza dalle 15 alle 23 per entrambe le tipologie; a Rovigo i lavoratori della società Garbellini incroceranno le braccia dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine turno, mentre quelli della Bus Italia si fermenranno dalle 8,15 alle 12 e dalle 17,30 a fine turno; a Belluno tutto il personale del settore sarà in agitazione dalle 8,10 alle 12 e dalle 15,40 a fine turno.
Nei vari capoluoghi di provincia sono in programma anche diverse manifestazioni. Copione consolidato a Treviso: appuntamento alle 9 alla stazione ferroviaria,, da dove prenderà il via il corteo che si snoderà nel centro storico fino in Piazza dei Signori. Qui si terranno le dichiarazioni dei segretari generali di Cgil, Giacomo Vendrame, e Uil, Carlo Viel, e dei delegati sindacali.
I due sindacati – spiegano i vertici provinciali - “portano in piazza le critiche e le proprie proposte concrete per cambiare la situazione e uscire dalla crisi: investimenti nel settore pubblico, offerta di servizi di qualità, sburocratizzazione, semplificazione del mercato del lavoro, abbattimento della precarietà e solidità dei contratti, sostegno alle pensioni e ai redditi bassi, investire sulla scuola e sulla formazione professionale, legalità e lotta all’evasione fiscale sono le parole d'ordine”
I segretari regionali di Cgil e Uil del Veneto, Elena di Gregorio e Gerardo Colamarco, parleranno rispettivamente a Belluno e Venezia