Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per resistenza a pubblico ufficiale un 55enne di Ponzano Veneto

"SFIDA" UN VIGILE E SI DISTENDE IN MEZZO AL TERRAGLIO: ASSOLTO

A scagionarlo in aula i racconti dei testimoni dell'episodio incrimnato


MOGLIANO VENETO – (gp) Forse per scherno o forse per ripicca, aveva “sfidato” un agente della Polizia Locale di Mogliano Veneto passando sulle strisce pedonali con il semaforo rosso e distendendosi in mezzo al Terraglio bloccando il traffico.

Una condotta che aveva costretto il vigile a stringergli le manette ai polsi per resistenza a pubblico ufficiale. Finito a processo, un francese di 55 anni residente a Ponzano Veneto, difeso dall'avvocato Mario Nordio, è stato assolto con formula piena perchè il fatto non sussiste.

Stando al capo d'imputazione l'uomo, usando “violenza e minacce” nei confronti dell'agente che lo invitava a non impegnare l'attraversamento pedonale in quanto il semaforo era rosso, avrebbe attraversato comunque il Terraglio e, “alzando in segno di stizza il braccio”, si sarebbe poi gettato a terra in mezzo alla strada costringendo il vigile ad ammanettarlo.

Per l'accusa il 55enne si sarebbe poi dimenato energicamente dalla presa dell'agente dicendogli: “Ti pentirai di quello che stai facendo, te la farò pagare”. A processo i testimoni portati dalla difesa hanno raccontato però una storia diversa, puntando il dito (ha sostenuto la difesa) contro le maniere dell'agente di polizia locale. Motivo per cui il giudice ha dato ragione all'imputato, assolvendolo con formula piena.