Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

VIDEO Treviso, studenti, pensionati, operai, impiegati pubblici contro il Jobs Act

QUASI 4MILA IN PIAZZA PER LO SCIOPERO GENERALE DI CGIL E UIL

I sindacati: "Cresce la voglia di rivolta, il governo cambi rotta"


TREVISO - Quasi quattromila persone sono scese in piazza a Treviso, queste mattina, per lo sciopero generale indetto da Cgil e Uil. L'astensione di otto ore, ovvero per l'intera giornata lavorativa, è stata proclamata a livello nazionale per protestare contro le politiche sul lavoro varate dal governo, in particolare la Legge di Stabilità e il Jobs Act: "Fotografa semplicemente la polarizzazione tra garantiti e precari e dice: 'non ci posso fare niente'. Bella soluzione", ha sottolineato il segretario provinciale della Cgil, Giacomo Vendrame, nel suo intevento dal palco in piazza dei Signori. Qui si è concluso il corteo, come consuetudine partito dalla stazione ferroviaria: in testa gli studenti, poi i pensionati e i lavoratori giunti dalle varie aree di tutta la provincia. Oltre ai vertici provinciali, i delegati di diverse categorie, dalla scuola al pubblico impiego, agli immigrati, hanno portato la loro testimonianza. Alta, secondo i promotori, l'adesione nelle grandi fabbriche, ma anche in numerosi enti pubblici.
I confederali hanno posto l'accento sul montante malessere che si respira nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro: "Si sta difondendo una voglia di rivolta sociale. Se non ci saranno dei cambiamenti sostanziali, sarà sempre più difficile contenerla nei limiti di un confronto democratico", ha confermato Carlo Viel, leader della Uil Treviso Belluno, mettendo in guardia contro la tentazione "dell'uomo solo al comando" in riferimento al premier Renzi e agli attacchi al sindacato e ai corpi intermedi. I sindacati chiedono di rivedere la riforma Fornero "per permettere ai giovani di entrare nel mondo del lavoro, altro che articolo 18" e di porre finalmente mano ai costi della politica e agli sprechi. Tra i temi più ricorrenti anche il riassetto della pubblica amministrazione: prima dell'inizio della manifestazione generale i dipendenti della Provincia hanno dato ad un presidio davanti al Sant'Artemio. A causa dei tagli, secondo le organizzazioni di categoria, nell'ente trevigiano rischia di perdere il posto metà del personale. "Molto difficilmente potrà essere riassorbito nei Comuni - spiega Ivan Bernini, segretario della Fp Cgil - tanto più che, ad oggi, non è chiaro come verranno redistribuite  le funzioni oggi in capo alle Province". Per i sindacati, comunque, lo sciopero e le manifestazioni tenute a Treviso, in contemporanea con altre 53 città in Italia, sono solo i primi atti di una mobilitazione destinata a proseguire.