Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo un dirigente scolastico per molestie aggravate dalla posizione datoriale

MESSAGGI "ESPLICITI" A UN'INSEGNANTE: PRESIDE SOTTO ACCUSA

Vittima una docente di una scuola superiore della città: ora chiede i danni


TREVISO – (gp) Quelli che potevano sembrare dei messaggi e delle mail di apprezzamento, al fine di riuscire ad avere un appuntamento, alla fine si sarebbero tramutati in molestie alle quali sarebbe poi seguito un diverso trattamento a livello lavorativo.

Almeno questa la versione resa dalla vittima, una docente di una scuola superiore di Treviso, che ha trascinato in aula il dirigente scolastico dell'istituto in cui lavora costituendosi parte civile contro di lui e chiedendo un risarcimento del danno che verrà quantificato nel corso della prossima udienza, fissata a metà luglio.

Sotto accusa c'è appunto un preside reo, secondo l'accusa, di essersi reso protagonista dell'invio di una serie di sms, mail e messaggi su Facebook a un'insegnante. Nulla di volgare o di sessualmente spinto, ma apprezzamenti (anche espliciti e forse fuori luogo) che non hanno però fatto breccia nel cuore della docente. Anzi, la donna avrebbe iniziato a vivere uno stato d'ansia tentando (come hanno confermato alcune colleghe sentite in aula come testimoni) di evitare ogni contatto con il dirigente scolastico.

Di fronte al “rifiuto”, lo scambio di messaggi si sarebbe col tempo diradato. A febbraio 2013 però la situazione è cambiata, quando cioè è stata sporta la denuncia querela da parte della vittima che ha sostenuto di essere stata in seguito esclusa dagli incarichi che il dirigente scolastico assegna annualmente ai docenti. Una condotta, ovviamente presunta, che oltre all'ipotesi di reato di molestie ha configurato, secondo la Procura, anche l'aggravante della posizione datoriale essendo il preside un superiore della parte offesa. Una questione delicata insomma, che l'imputato ha sempre negato sottolineando la correttezza del suo operato e respingendo ogni accusa.