Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lascia i figli Carlo, Valter e Miriam, i funerali si terranno domani alle 15.45

RIESE PIO X IN LUTTO, ADDIO AD ANGELO PORCELLATO

Joani Biasio aveva 95 anni, fond˛ La Caneva di Cendrole


RIESE PIO X - È morto domenica 14 dicembre nella sua abitazione di via Vivaldi a Riese Pio X, circondato dai figli e dai nipoti, Angelo Porcellato (noto come Joani Biasio). Aveva compiuto 95 anni lo scorso 13 novembre. Il nonno Biasio era molto conosciuto in paese e nella Castellana per aver portato avanti, nell’immediato dopoguerra, l’osteria (aperta dal padre) e fondato l’azienda vinicola La Caneva dei Biasio a Cendrole. Stimato anche per esser stato uno dei fondatori del gruppo del ciclismo a Riese, era rimasto vedovo da pochi mesi. Il 28 maggio era infatti morta la moglie Amelia, con la quale era sposato dal 21 gennaio 1948. Uomo sempre dedito al lavoro e alla famiglia, aveva dovuto sopportare durante la seconda guerra mondiale anche l’internamento nei campi di concentramento, dai quali era riuscito a sopravvivere. Lo piangono i figli Carlo, Valter e Miriam, che ancora oggi portano avanti l’azienda di famiglia, ma anche i nipoti, il genero, le nuore e tutti i parenti. Il rito funebre è previsto martedì, martedì 16 dicembre, alle ore 15.45 nella chiesa parrocchiale di Riese Pio X. La salma partirà poco prima dalla sua abitazione.