Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lascia i figli Carlo, Valter e Miriam, i funerali si terranno domani alle 15.45

RIESE PIO X IN LUTTO, ADDIO AD ANGELO PORCELLATO

Joani Biasio aveva 95 anni, fond˛ La Caneva di Cendrole


RIESE PIO X - È morto domenica 14 dicembre nella sua abitazione di via Vivaldi a Riese Pio X, circondato dai figli e dai nipoti, Angelo Porcellato (noto come Joani Biasio). Aveva compiuto 95 anni lo scorso 13 novembre. Il nonno Biasio era molto conosciuto in paese e nella Castellana per aver portato avanti, nell’immediato dopoguerra, l’osteria (aperta dal padre) e fondato l’azienda vinicola La Caneva dei Biasio a Cendrole. Stimato anche per esser stato uno dei fondatori del gruppo del ciclismo a Riese, era rimasto vedovo da pochi mesi. Il 28 maggio era infatti morta la moglie Amelia, con la quale era sposato dal 21 gennaio 1948. Uomo sempre dedito al lavoro e alla famiglia, aveva dovuto sopportare durante la seconda guerra mondiale anche l’internamento nei campi di concentramento, dai quali era riuscito a sopravvivere. Lo piangono i figli Carlo, Valter e Miriam, che ancora oggi portano avanti l’azienda di famiglia, ma anche i nipoti, il genero, le nuore e tutti i parenti. Il rito funebre è previsto martedì, martedì 16 dicembre, alle ore 15.45 nella chiesa parrocchiale di Riese Pio X. La salma partirà poco prima dalla sua abitazione.