Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il promotore finanziario accusato di una truffa da 1,5 milioni di euro

INVESTITORI RAGGIRATI: AL VIA IL PROCESSO PER FEDERICO ZANIN

Vari vip tra le persone offese: soltanto quattro le pčarti civili



TREVISO
– (gp) Presentandosi come legale rappresentante della Kuantiko Limited, con sede a Londra, sarebbe riuscito a raggirare 23 persone facendosi consegnare quasi un milione e mezzo di euro. Il processo a carico di Federico Zanin, promotore finanziario di 56 anni residente a Canizzano (difeso dall'avvocato Silvia Biscaro), si è ufficialmente aperto di fronte al giudice Francesco Sartorio.

Si è trattato soltanto del primo atto, con la costituzione di parte civile di alcune delle vittime (quattro in tutto), a cui ne seguiranno diversi visto che nelle lista testi sono state inserite tutte le persone che hanno versato denaro a Zanin. Stando alle accuse l'uomo avrebbe proposto alle persone offese, sulla base di un accordo contrattuale intercorso con la società Blue Brain SA di Losanna, l'adesione a un fondo d'investimento affermando che la ditta svizzera era impegnata in un progetto di ricerca per creare un modello computerizzato di cervello umano (progetto in realtà avviato dal Politecnico Federale di Losanna e denominato appunto “Blue Brain”).

Sottoscrivendo l'adesione al fondo, Zanin avrebbe promesso alle presunte vittime alti e immediati rendimenti oltre alla restituzione del capitale in tempi brevi. In realtà quel denaro, oltre a non essere mai stato restituito, non solo non sarebbe stato investito ma sarebbe stato utilizzato per regolare rapporti con altri clienti e, in alcuni casi, per far fronte alle spese personali dello stesso Zanin. Il 56enne è chiamato rispondere del reato di truffa aggravata dal grave danno arrecato alle persone offese, al quale si aggiungono quelli fiscali legati alla dichiarazione dei redditi risultata inferiore a quanto in realtà percepito. Si torna in aula a ottobre del prossimo anno.