Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, per recuperare i corpi prosciugato il laghetto del Restello

AUTO PRECIPITA IN UN BACINO DELL'ENEL SUL FADALTO: DUE MORTI

Vittime Valentino Pagotto, 39 anni, e la madre Fortunata Bergami, 71


VITTORIO VENETO - Dramma nel pomeriggio nel Vittoriese. Un'auto, a causa di una fuoriuscita di strada, è finita in un bacino idrico dell'Enel, chiamato lago del Restello, profondo diversi metri: all'interno sono stati trovati i corpi, senza vita, di due persone, morte annegate. Le vittime sono Valentino Pagotto, 39 anni, e la madre, Fortunata Bergami, 61.
L'episodio è avvenuto poco dopo le 16 lungo la statale Alemagna, che in quel tratto assume la denominazione di via San Floriano, in località Fadalto: la vettura ha scavalcato il muretto che delimita la carreggiata e, dopo un volo di vari metri, si è inabissata nel laghetto artificiale. A dare l'allarme è stato un automobilista di passaggio che ha notato il parapetto sbrecciato ed ha visto l'auto, una Volvo, finire inghiottita dalle acque. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i paramedici del Suem118 e la polizia locale di Vittorio Veneto. Complesse le operazioni di recupero del mezzo, con l'impiego di fotoelettriche, sub e autogru dei vigili del fuoco: per estrarre il veicolo, infatti, è stato necessario prosciugare in parte lo specchio d'acqua della centrale elettrica. Una volta riportata in superficie la macchina, sono stati ritrovati i due cadaveri: quello del giovane alla guida, con accanto, con ogni probabilità, la madre. Indagini sono in corso per scoprire le cause della tragedia. Una trentina di anni fa, nello stesso punto, era accaduto un incidente analogo: allora, però, l'auto aveva centrato in pieno il muretto, abbattendolo, aveva così perso velocità e rotolata per la scarpata, fermandosi a pochi metri dall'acqua.