Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due eccezioni della difesa potrebbero bloccare il processo al patron della Nes

EVASIONE FISCALE, COMPIANO: "PERCH╚ PUNIRMI DUE VOLTE?"

L'accusa: mancato Iva non versata per un importo di 14 milioni di euro



TREVISO
- (gp) Perchè devo essere punito due volte per lo stesso reato, in sede amministrativa e i sede penale? Ma soprattutto, perchè non posso patteggiare la pena se non restituisco il “maltolto” quando per un rapinatore è previsto? Sono le due eccezioni che Luigi Compiano, difeso dall'avvocato Pietro Barolo, presenterà nel corso del processo che lo vede imputato per un'evasione fiscale che sfiora i 14 milioni di euro e che, se le eccezioni venissero accolte, potrebbe addirittura puntare alla prescrizione.

Acquisiti gli atti che testimonierebbero il mancato versamento dell'Iva tra il 2011 e il 2013 (12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes, quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano), il giudice ha rinviato l'udienza a fine marzo giorno in cui il legale presenterà le due eccezioni, una a livello tecnico-giuridico e l'altra a livello costituzionale. Se il giudice le dovesse accogliere entrambe, si dovrà attendere il parere della Corte Costituzionale con il conseguente prolungamento (a data da destinarsi) del procedimento penale in atto.

L'unica nota positiva, a favore degli inquirenti, è che il giudice Michele Vitale ha già deciso in merito alla querelle tra la Procura di Treviso e il commissario straordinario Sante Casonato. Sul piatto infatti c'erano le circa 200 auto sequestrate per equivalente a Compiano, proprio per coprire il buco con l'erario. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, ne aveva chiesto la confisca per permettere allo Stato di incassare almeno parte delle imposte non versate mentre il commissario straordinario Sante Casonato ne chiedeva il dissequestro e la restituzione per poterle mettere all'asta in modo da ripianare il buco di 104 milioni di euro dell'inchiesta principale. Il giudice ha dato, almeno su questo punto, ragione all'accusa.