Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio per omicidio colposo il 58enne di Montebelluna Fabrizio Cappelletto

INVESTÌ E UCCISE UNA BADANTE: PROFESSIONISTA A PROCESSO

Evitando qualsiasi rito alternativo, l'uomo affronterà il dibattimento


PAESE - (gp) Rinviato a giudizio per aver investito e ucciso una badante. Fabrizio Cappelletto, un libero professionista di 58 anni di Montebelluna, verrà processato per omicidio colposo per la morte di Norma Bonafede, la 62enne travolta mentre percorreva a piedi via Bianchin, a Postioma di Paese, il 28 febbraio scorso. La donna, originaria di Trarego Viggiona (VB), era appena uscita dalla casa di un assistito e si stava recando a prendere l'autobus lungo la stretta via scarsamente illuminata come faceva ogni giorno. L'uomo, come riferito anche da un testimone, si era fermato dopo aver sentito un colpo, 200 metri più avanti del luogo dell'impatto, ma non notando nulla di anomalo sul ciglio della strada si era poi allontanato. Si pensava a un pirata della strada ma in realtà, proprio come riferito dagli agenti della Polstrada, l'uomo non si sarebbe reso conto di nulla e non avrebbe visto il corpo della donna finito nel fossato che costeggia la strada. Il 58enne, una volta individuato, era risultato del tutto sobrio: gli inquirenti sembravano essere propensi a qualificare il fatto come una tragica fatalità dovuta alla scarsissima visibilità nella zona.