Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio per omicidio colposo il 58enne di Montebelluna Fabrizio Cappelletto

INVESTÌ E UCCISE UNA BADANTE: PROFESSIONISTA A PROCESSO

Evitando qualsiasi rito alternativo, l'uomo affronterà il dibattimento


PAESE - (gp) Rinviato a giudizio per aver investito e ucciso una badante. Fabrizio Cappelletto, un libero professionista di 58 anni di Montebelluna, verrà processato per omicidio colposo per la morte di Norma Bonafede, la 62enne travolta mentre percorreva a piedi via Bianchin, a Postioma di Paese, il 28 febbraio scorso. La donna, originaria di Trarego Viggiona (VB), era appena uscita dalla casa di un assistito e si stava recando a prendere l'autobus lungo la stretta via scarsamente illuminata come faceva ogni giorno. L'uomo, come riferito anche da un testimone, si era fermato dopo aver sentito un colpo, 200 metri più avanti del luogo dell'impatto, ma non notando nulla di anomalo sul ciglio della strada si era poi allontanato. Si pensava a un pirata della strada ma in realtà, proprio come riferito dagli agenti della Polstrada, l'uomo non si sarebbe reso conto di nulla e non avrebbe visto il corpo della donna finito nel fossato che costeggia la strada. Il 58enne, una volta individuato, era risultato del tutto sobrio: gli inquirenti sembravano essere propensi a qualificare il fatto come una tragica fatalità dovuta alla scarsissima visibilità nella zona.