Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio per omicidio colposo il 58enne di Montebelluna Fabrizio Cappelletto

INVESTÌ E UCCISE UNA BADANTE: PROFESSIONISTA A PROCESSO

Evitando qualsiasi rito alternativo, l'uomo affronterà il dibattimento


PAESE - (gp) Rinviato a giudizio per aver investito e ucciso una badante. Fabrizio Cappelletto, un libero professionista di 58 anni di Montebelluna, verrà processato per omicidio colposo per la morte di Norma Bonafede, la 62enne travolta mentre percorreva a piedi via Bianchin, a Postioma di Paese, il 28 febbraio scorso. La donna, originaria di Trarego Viggiona (VB), era appena uscita dalla casa di un assistito e si stava recando a prendere l'autobus lungo la stretta via scarsamente illuminata come faceva ogni giorno. L'uomo, come riferito anche da un testimone, si era fermato dopo aver sentito un colpo, 200 metri più avanti del luogo dell'impatto, ma non notando nulla di anomalo sul ciglio della strada si era poi allontanato. Si pensava a un pirata della strada ma in realtà, proprio come riferito dagli agenti della Polstrada, l'uomo non si sarebbe reso conto di nulla e non avrebbe visto il corpo della donna finito nel fossato che costeggia la strada. Il 58enne, una volta individuato, era risultato del tutto sobrio: gli inquirenti sembravano essere propensi a qualificare il fatto come una tragica fatalità dovuta alla scarsissima visibilità nella zona.