Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, a beneficiarne anche gli amici, indagine della polizia postale partita a maggio

RICARICHE TELEFONICHE CON I BITCOIN, STUDENTE DENUNCIATO

Era un ex dipendente di un negozio di telefonia, frode da 30mila €


TREVISO - (NC) Ha effettuato centinaia di ricariche telefoniche, per un valore di oltre 30mila euro, utilizzando le credenziali dell'ex datore di lavoro. A finire nei guai uno studente all'ultimo anno di una scuola superiore ad indirizzo informatico ed ex dipendente di un negozio di telefonia che è stato denunciato dalla polizia postale di Treviso al termine di un'indagine durata per oltre sei mesi. Il giovane avrebbe fatto acquisti di ricariche anche attraverso la rete informatica "Tor" che solitamente viene utilizzata dalla criminalità per lo smercio di refurtiva e altro materiale illecito con la moneta elettronica virtuale chiamata "bitcoin". L'indagine era partita a maggio dopo la denuncia presentata dal negoziante, ex datore di lavoro dello studente. Molti beneficiari delle ricariche, hanno scoperto gli investigatori, erano amici di Facebook dell'ex dipendente: si tratta di giovani che risiedono nelle province di Treviso, Forlì-Cesena, Perugia e Potenza, le cui abitazioni sono state perquisite. Allo studente, un vero genio dell'informatica, sono stati sequestrati 10 personal computer, due carte di credito, più di 400 sim oltre che materiale cartaceo definito interessante dagli investigatori.