Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, a beneficiarne anche gli amici, indagine della polizia postale partita a maggio

RICARICHE TELEFONICHE CON I BITCOIN, STUDENTE DENUNCIATO

Era un ex dipendente di un negozio di telefonia, frode da 30mila €


TREVISO - (NC) Ha effettuato centinaia di ricariche telefoniche, per un valore di oltre 30mila euro, utilizzando le credenziali dell'ex datore di lavoro. A finire nei guai uno studente all'ultimo anno di una scuola superiore ad indirizzo informatico ed ex dipendente di un negozio di telefonia che è stato denunciato dalla polizia postale di Treviso al termine di un'indagine durata per oltre sei mesi. Il giovane avrebbe fatto acquisti di ricariche anche attraverso la rete informatica "Tor" che solitamente viene utilizzata dalla criminalità per lo smercio di refurtiva e altro materiale illecito con la moneta elettronica virtuale chiamata "bitcoin". L'indagine era partita a maggio dopo la denuncia presentata dal negoziante, ex datore di lavoro dello studente. Molti beneficiari delle ricariche, hanno scoperto gli investigatori, erano amici di Facebook dell'ex dipendente: si tratta di giovani che risiedono nelle province di Treviso, Forlì-Cesena, Perugia e Potenza, le cui abitazioni sono state perquisite. Allo studente, un vero genio dell'informatica, sono stati sequestrati 10 personal computer, due carte di credito, più di 400 sim oltre che materiale cartaceo definito interessante dagli investigatori.