Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa una 45enne: scoperta mentre frugava nelle borse dei colleghi

FURTI IN CORSIA AL CA' FONCELLO: SEI MESI ALLA FISIOTERAPISTA

La donna ha patteggiato la pena: i soldi le servivano per i videopoker


TREVISO – (gp) Era stata sorpresa a rubare nel reparto in cui lavorava. Finita a processo per furto, ha scelto la via del patteggiamento cavandolsela con una pena di sei mesi e usufruendo della sospensione condizionale.

Protagonista una fisioterapista di 45 anni che era stata ripresa dalle telecamere mentre rubava dai portafogli e dalle borse dei colleghi e della mamma di una piccola paziente. Per circa due anni secondo l'accusa ha fatto sparire, arrivando anche a due o tre furti al giorno, piccole somme di denaro. Alla fine a inchiodarla sono state le telecamere di sicurezza.

Al processo avevano preso parte anche le vittime dei furti, che avevano chiesto all’imputata di donare una somma di denaro all’ambulatorio per la cura della fibrosi cistica, ottenendo però un no come risposta.

A scoprire la donna ladra erano stati gli agenti della squadra mobile: nel luglio dello scorso anno, dopo aver piazzato una microspia nell'ambulatorio, avevano immortalando le gesta della donna pizzicata in due occasioni a rovistare nelle borse di alcune colleghe e a sottrarre i contanti. La donna, che ha ammesso le proprie responsabilità, si sarebbe giustificata dicendo che quei soldi le servivano per giocare a videopoker.