Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, il consigliere comunale ammette: "Il momento è molto duro per tutti"

"UN FONDO PER CHI VUOLE RINUNCIARE A PARTE DELLO STIPENDIO"

Michela Nieri (Pd) sulla proposta di tagli di Maristella Caldato


TREVISO - “Venga istituito un fondo comunale ad hoc che raccolga i contributi volontari degli amministratori che vogliono liberamente rinunciare a parte del proprio compenso” lo ha detto Michela Nieri, consigliere comunale del PD di Treviso, avanzando così una proposta alternativa all’ordine del giorno della collega Caldato relativo alla riduzione del 20% dei compensi degli amministratori. “L’ordine del giorno della Caldato ha aperto la possibilità a un confronto costruttivo sulla questione dei compensi e sul ruolo che possono rappresentare anche personalmente gli amministratori all’interno della situazione economica del Comune – ha spiegato la consigliere Nieri -.
Il momento è molto duro per tutti, cittadini ed enti locali, è anche vero che gli stipendi degli amministratori di Treviso non sono assolutamente alti rispetto ad altre realtà e all’impegno profuso. Non si può obbligare nessuno a versare parte del proprio reddito per solidarietà. Si può invece invitare a fare uno sforzo e a destinare, ognuno in base ai propri guadagni e alle proprie necessità, parte delle entrate a un fondo ad hoc, magari da destinare alle persone in difficoltà”. “Ogni persona ha situazioni e necessità economiche diverse. La solidarietà è un concetto e un sentimento personale che può e deve essere esercitato liberamente.
Per questo - ha sottolineato la Nieri - penso sarebbe giusto istituire un fondo ad hoc, ove ogni componente della giunta e del Consiglio possa versare quanto ritenga opportuno”. “Caldato ha presentato un ordine del giorno in base alla sua visione, non ritengo che lo stesso sia sbagliato di principio, ma penso che ci si possa confrontare anche su altri punti di vista – ha aggiunto la Nieri -. Penso che Manildo comunque abbia già tagliato, come promesso, parte delle spese nominando un assessore in meno rispetto alle precedenti amministrazioni. Ritengo – ha concluso la Nieri - che quelle della lega siano, come al solito, strumentalizzazioni politiche che lasciano il tempo che trovano”.